• Sei il visitatore n° 339.282.454
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 12 febbraio 2022 alle 09:13

Erba: cardiopatie congenite infantili. 400 esami ogni anno

Cardiopatie congenite infantili: a Erba vengono effettuati centinaia di esami. Ogni anno più di 400 bambini di Erba e delle province limitrofe vengono visitati presso l'ambulatorio di primo livello di cardiologia pediatrica dell'Ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba, che fa parte dell'Unità di Cardiologia. Questo è l'unico della zona e affronta le cardiopatie congenite del bambino, di cui si celebra la Giornata Mondiale il 14 febbraio. Sono anni che ad Erba si lavora su questo fronte e la risposta delle famiglie premia lo sforzo.
''Le cardiopatie congenite incidono per circa 0,8% dei neonati e sono varie: alcune possono essere mortali o invalidanti - spiega il cardiologo responsabile Aldo Ferrari, che si occupa dell' ambulatorio con la dottoressa Paola Caruso - e la nostra funzione è innanzi tutto quella di escludere che un banale soffio al cuore possa limitare la vita di un ragazzino, individuando i casi in cui la patologia è seria''.
L'ambulatorio, dove si pratica anche l'ecocardiografia pediatrica, è attivo dalla fine degli anni Novanta, occupandosi in prima battuta della diagnosi delle patologie cardiovascolari di neonati e bimbi degenti nell'Ospedale, che ha sempre investito in questo servizio, in virtù della grande attenzione per i minori, diventando un ospedale "amico del bambino".
Il servizio si rivolge a bambini da da zero a sei anni, in cui si possono manifestare le cardiopatie congenite: queste vanno dai difetti interventricolari alla stenosi polmonare, dalla tetralogia di Fallot al canale atrioventicolare e alla coartazione aortica, per citarne solo alcune.
''In alcuni casi - spiega Ferrari - il muscolo cardiaco compensa, e l'evoluzione della cardiopatia viene seguita ambulatorialmente; in altri è necessario inviare il piccolo ad intervento, talvolta possibile anche per via percutanea; mentre nei casi più gravi vi può essere un completo sovvertimento della struttura cardiaca difficilmente trattabile anche chirurgicamente''.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco