• Sei il visitatore n° 361.801.366
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 14 marzo 2022 alle 18:11

Cassago: con Parrocchia e i guanelliani un progetto per accogliere i profughi ucraini

Da sinistra don Francesco e don Giuseppe
Anche la Parrocchia di Cassago si attiva per l'emergenza profughi in arrivo dall'Ucraina. Proprio in questi giorni infatti, è stato illustrato ai fedeli il progetto messo in campo in collaborazione con l'istituto guanelliano Sant'Antonio situato in località Campiasciutti.
Saranno infatti predisposti spazi per accogliere due nuclei familiari per un totale di circa otto persone; un numero ritenuto possibile per poter fornire ospitalità in maniera adeguata e continuativa.
''Abbiamo segnalato la nostra disponibilità alla Diocesi e a Caritas Ambrosiana che, in accordo con le istituzioni, provvederà ad inviare i rifugiati'' fanno sapere dalla Parrocchia, guidata da don Giuseppe Cotugno, illustrando poi le soluzioni logistiche individuate.
L'accoglienza infatti, prevederà due fasi: una prima di durata temporanea di due nuclei familiari presso l'istituto guanelliano (il cui referente è don Francesco Sposato ndr) dove troveranno alloggio e consumeranno i pasti. Una seconda invece durante la quale l'ospitalità verrà fornita presso due appartamenti in Via Sauro 15 e in Piazza don Motta (ex abitazione sacrestano) al termine della sistemazione dei locali.
Affinchè il progetto di accoglienza possa prendere forma, la Parrocchia si appella alla generosità dei fedeli, rendendo noto il numero di conto corrente sul quale versare eventuali offerte.
Ma non è finita qui: si cercano infatti anche volontari che si prendano a cuore le sorti di queste famiglie aiutandole ad espletare le quotidiane commissioni (esigenze scolastiche, sanitarie, pratiche legali etc). E' prevista anche una raccolta di beni che si renderanno necessari sulla base degli effettivi bisogni (materiali d'arredo, abiti etc) e che proprio per questa ragione saranno comunicati più avanti.
Resta chiaramente attiva la collaborazione con il Comune e con l'associazione Cassago chiama Chernobyl per garantire momenti di aggregazione, pastorali e ricreativi.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco