• Sei il visitatore n° 361.041.742
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 09 maggio 2022 alle 09:18

Galgiana: un angolo fiorito in località Cacciabuoi grazie a Fabrizio Sormani

A Galgiana, in un prato in fregio a Via San Biagio, sono spuntati i fiordalisi e altri fiori autoctoni, grazie all'intraprendenza di Fabrizio Sormani che ha voluto spiegarci le ragioni che lo hanno spinto a dare vita al progetto, particolarmente gradito ai casatesi e a chi si trova a transitare lungo l'arteria di collegamento a Valaperta (passando per Cassina de' Bracchi).

''Nel 2019 mentre attraversavo in bicicletta il parco regionale delle capanne di Marcarolo, in Piemonte, mi sono trovato immerso in grandi prati fioriti: ero nel bel mezzo di un progetto regionale di prateria montana e conservazione delle specie autoctone'' ci ha spiegato il casatese. ''Questo luogo è restato vivo nella mia mente e quando ho avuto a disposizione un piccolo appezzamento di terra ho voluto ricreare quell'ambiente che mi ha molto colpito''.
Da lì quindi l'idea di replicare la bella esperienza a Casatenovo, a Galgiana per la precisione (località Cacciabuoi), destando la curiosità di molti che hanno dimostrato di gradire parecchio l'iniziativa.

''Piccole soddisfazioni che hanno allietato non solo me ma evidentemente anche molta altra gente'' ha aggiunto Sormani. ''Se mi chiedete perché l'ho fatto rispondo perché è bello! Non siete d'accordo? Informo gli appassionati che anche in Lombardia esistono progetti per l'inerbimento con fiorumi autoctoni: cercate in internet e troverete le notizie e i prati da visitare''.

Il casatese ha poi voluto lanciare un appello agli amministratori locali affinché incrementino la qualità della vita dei casatesi facendo sì che il parco regionale di Montevecchia e della Valle del Curone possa oltrepassare i confini della valle Nava e ampliarsi sul territorio di Casatenovo.

Infine i ringraziamenti doverosi a Emanuele Sala di Montesiro, il tecnico agronomo che lo ha seguito e aiutato nel realizzare il prato, ma anche a chi ha apprezzato quell'angolo e ha lasciato i fiori al loro posto. ''Vedrete che li ritroverete anche l'anno prossimo'' ha concluso.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco