• Sei il visitatore n° 332.041.270
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 26 maggio 2022 alle 17:05

Coldiretti, Siccità: non bastano gli acquazzoni a risolvere la situazione

Gli acquazzoni brevi e violenti dei giorni scorsi (e di ieri in particolare) non hanno risolto nulla, facendo anzi temere per i danni da grandine che, con le temperature da piena estate, inizia ad essere il vero incubo per le campagne. Per allentare gli effetti della prolungata siccità e dare effettivo ristoro alle colture in campo, servono almeno 40/45 millimetri di pioggia (in gergo agricolo come “una irrigata”), deve durare a lungo, cadere in maniera costante e non troppo intensa, mentre i forti temporali, soprattutto con precipitazioni violente, rischiano di provocare danni senza alcun beneficio per i terreni.

Il 2022 – precisa Coldiretti Como Lecco - finora ha fatto registrare precipitazioni dimezzate con le riserve idriche regionali attualmente immagazzinate nei grandi laghi, negli invasi artificiali e sotto forma di neve che sono inferiori di oltre il 50% rispetto alla media del periodo 2006/2020.

Una situazione di assoluta emergenza per le campagne in un momento in cui la disponibilità di acqua è fondamentale per salvare i raccolti: “E’ necessario mettere in campo subito tutte le azioni possibili, la situazione è estremamente difficile e non possiamo permetterci il lusso di tergiversare: il rischio è quello di perdere anche quei raccolti che potrebbero essere messi in sicurezza grazie a interventi rapidi e incisivi” commenta Fortunato Trezzi, presidente di Coldiretti Como Lecco. “Per il bene dell’intera agricoltura lombarda,  tra le misure da applicare è importante la possibilità di disporre in tempi brevi deroghe temporanee agli obblighi del deflusso minimo vitale, oltre che la possibilità di rilasciare acqua dai bacini montani indipendentemente dalle dinamiche della produzione di energia”.

Siamo di fronte – sottolinea la Coldiretti interprovinciale – alle conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Italia “dove l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma, con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con grandine di maggiori dimensioni, una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, che compromettono anche le coltivazioni nei campi con costi per oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne”.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco