• Sei il visitatore n° 361.036.424
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 28 giugno 2022 alle 18:18

Casatenovo, nuovo centro: dopo il vertice coi consiglieri regionali, chiesto di riunire il collegio di vigilanza e segreteria tecnica

Riunire la segreteria tecnica e poi il collegio di vigilanza, per discutere in merito al futuro dell'Accordo di Programma (AdP) relativo al nuovo centro di Casatenovo. A chiederlo sono stati i partecipanti alla conferenza capigruppo convocata nei giorni scorsi in municipio per affrontare - insieme ai consiglieri regionali Piazza, Straniero, Erba - la complessa situazione che riguarda l'ex salumificio Vismara e l'ex Vister.

L'ex salumificio Vismara visto da Via del Lavoro

Interessate da tre piani integrati di intervento, la riqualificazione di queste aree industriali dismesse appare bloccata. Mancano concreti passi in avanti da parte di due proprietà su tre: Vismara/Ferrarini e Immobiliare Casatenovo, mentre sta procedendo l'iter che riguarda Devero, la parte tuttavia meno significativa a livello volumetrico.
Per questa ragione l'amministrazione comunale ha preso seriamente in esame la possibilità di far decadere l'Accordo di Programma o comunque di rivedere l'attuale versione, tenendo conto appunto delle inadempienze dei privati che oggi non appaiono nelle condizioni di sviluppare quanto deciso.

Una veduta dei capannoni dell'ex Vister da Piazza del Mercato

Dopo questo confronto interlocutorio con i rappresentanti politici di Regione, si è stabilito di riunire la segreteria tecnica e poi il collegio di vigilanza dell'AdP, per discutere di tutti questi aspetti con gli enti superiori.
Di seguito la nota diffusa dal sindaco Filippo Galbiati con la vice Marta Comi e dai capigruppo Fabio Crippa, Marco Pellegrini, Christian Perego:
Come preannunciato nella seduta del Consiglio comunale, la Conferenza capigruppo si è riunita, assieme al Vicesindaco Marta Comi, per discutere del Centro di Casatenovo e delle inadempienze di Vismara/Ferrarini ed Immobiliare Casatenovo in presenza dei Consiglieri regionali, rappresentativi del territorio.
Ringraziamo Mauro Piazza, Raffaele Straniero e Raffaele Erba per essere stati presenti.

Abbiamo aggiornato i Consiglieri sul percorso che è stato discusso in Consiglio comunale: ovvero quello di sottoporre a Regione Lombardia e Provincia di Lecco l’ipotesi di revisione dell’ADP, promosso ormai diversi anni orsono dalla Giunta regionale e sottoscritto da Comune e Provincia.

Dobbiamo da un lato puntare a salvaguardare l’insediamento produttivo Vismara a S. Anna Campofiorenzo ed allo stesso tempo (nel momento in cui il Comune sta procedendo con la variante generale al PGT ed a fronte dell’inadempienza acclarata di Vismara/Ferrarini ed Immobiliare  Casatenovo) analizzare nuove strategie per il  destino pianificatorio del Centro di Casatenovo, anche fuori dall’attuale ADP regionale, con nuove condizioni, minor volume, maggiore flessibilità.

I tre Enti pubblici hanno garantito alle proprietà private, in tutti questi anni, massima collaborazione e le possibilità migliori che le norme consentivano per poter sviluppare il loro patrimonio. Va tuttavia preso atto che abbiamo di fronte soggetti che non sono in condizioni di sviluppare l’ADP.

Ringraziamo i Consiglieri regionali per i contributi ed i suggerimenti anche in riferimento a quanto Regione sta portando avanti sui temi della rigenerazione e dell’innovazione, relativamente alle aree dismesse, così come la Presidente della Provincia di Lecco che ha partecipato alla seduta del Consiglio comunale.

Procediamo quindi con la richiesta di riunire la Segreteria tecnica e poi il Collegio di Vigilanza dell’Accordo di Programma, per discutere di tutti questi aspetti con Regione e Provincia.

 
Filippo Galbiati, Sindaco
Marta Comi, Vicesindaco
Fabio Crippa, Capogruppo PEI
Marco Pellegrini, Capogruppo Più Casatenovo
Christina Perego, Capogruppo Movimento 5S


 

Articoli correlati:
31.05.2022 - Casatenovo: l'accordo di programma? Non più sostenibile. Paleari chiede di diffidare le due proprietà e Perego (M5S) le dimissioni del sindaco, respinte con un duro affondo
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco