Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 231.003.987
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 02/07/2020

Lecco: V.Sora: 148 g/mc
Merate: 155 µg/mc
Valmadrera: 175 µg/mc
Colico: ND
Moggio: 159 µg/mc
Scritto Sabato 24 luglio 2010 alle 09:08

Cremella: fallita la traversata del lago di Paolo Chiarino

E' purtroppo fallita per motivi climatici, l'impresa di Paolo Chiarino, il nuotatore cremellese che si apprestava a compiere la traversata del Lago di Lecco. Le gelide temperature delle acque e l'arrivo di un forte temporale, hanno costretto Chiarino ad abbandonare l'impresa, dopo quasi un giorno di bracciate ininterrotte.
Il cremellese era partito ieri mattina presto, dalla spiaggia di Gera Lario, per tentare la traversata a nuoto il lago, arrivando a Lecco nel tardo pomeriggio.

Paolo Chiarino



Il 44enne prevedeva di restare in acqua per 13-15 ore, senza scalo e senza possibilità di aggrapparsi neppure per un attimo alla barca d'appoggio.
Purtroppo il record non è stato raggiunto. L'atleta italiano era stato il primo, nel luglio 2008 a compiere la traversata del lago di Garda - anche qui nel senso della lunghezza, da Riva a Desenzano.
L'impresa, purtroppo sfumata, ha permesso comunque di raccogliere fondi per la cura di Stefano d'Errico, un bambino affetto dalla Sindrome di West, una malattia che provoca debolezza muscolare, incapacità di parlare e di muoversi.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco