Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 217.650.325
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 11/01/2020

Lecco: V.Sora: 63 µg/mc
Merate: 42 µg/mc
Valmadrera: 37 µg/mc
Colico: 48 µg/mc
Moggio: 94 µg/mc
Scritto Giovedì 29 luglio 2010 alle 18:28

Provincia: una ventina i beni statali ''alienabili''. Nel casatese anche l'ex poligono di tiro a Missaglia e Villa Ratti a Monticello

Strade, canneti, edifici. Sono una ventina i beni presenti sul territorio della provincia di Lecco che lo Stato potrebbe mettere in vendita nell'ambito del cosidetto "federalismo demaniale".
La lista dei beni statali è stata messa online in questi giorni sul sito del Demanio e verrà aggiornata ogni 15 giorni fino alla fine del 2010 quando le proprietà saranno trasferite alle Regioni e agli enti locali che, se vorranno, potranno decidere di gestirli personalmente.

Villa Ratti a Monticello

Intere abitazioni, terreni, pezzi di ferrovia, alvei e argini di torrente, case del popolo e del fascio: nella sola Lombardia il valore catastale del patrimonio supera i 3 miliardi di euro, per un totale di 19mila cespiti. Nell'elenco mancano i beni artistici, oltre ai beni militari: per il trasferimento di questi ultimi, in particolare, il ministero della Difesa creerà una società ad hoc. Discorso a parte anche per il demanio lacuale: sarà trasferito direttamente alle Regioni, che a loro volta, in seguito, decideranno come assegnare i cespiti a comuni e province.
Per quanto riguarda il casatese, sono due i beni che figurano nell'elenco delle proprietà demaniali alienabili.



La prima è la struttura che ospita il centro polifunzionale terapeutico Villa Ratti, situato in Via Fogazzaro a Torrevilla. Una proprietà particolarmente vasta, composta dalla struttura e dal giardino, per un valore complessivo di 4milioni di euro.
Come si ricorderà, si tratta di una comunità terapeutica nata nel 2005 e accreditata presso la Regione Lombardia nel 2007 che garantisce a persone con disturbo di personalità, in particolare di tipo Borderline, un intervento terapeutico-riabilitativo intensivo, integrato e specialistico all'interno di un ambiente protetto e accogliente.
A Missaglia tra i beni alienabili figura invece una delle ultime porzioni di terreno facenti parte dell'ex poligono di tiro. Situato sulla provinciale 54, con accesso in Via Roma e Corso Europa, la striscia di terreno possiede un valore inventariale di 77.200 euro.

L'area dell'ex poligono di tiro di Missaglia

Passando all'oggionese, ben tre beni suscettibili di alienazione sono situati sul territorio del comune di Dolzago.
Si tratta di un'area situata in prossimità del torrente Gandaloglio in Via Papa Giovanni XXIII, dal valore di 335mila euro e di due edifici non meglio identificati, che sorgono al confine con Ello e Barzago, stimati rispettivamente in 234.678 euro e 222.944,11 euro.
A Costa Masnaga sarà messo in vendita a 234.678 euro un edificio situato in Via Diaz, in prossimità dell'oratorio, mentre Civate figura nell'elenco con un canneto che si affaccia sulla superstrada 36, dal valore di poco più di mille euro.
Da segnalare la presenza di 5 beni situati nella città di Lecco, tra i quali un fabbricato popolare in Via Santo Stefano dal valore di 5milioni di euro e un ex spiaggia sul lago.
Chiudono l'elenco un terreno in frazione Toffo a Brivio, un fabbricato demolito a Paderno d'Adda e tre beni situati sul territorio di Colico.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco