Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 233.675.146
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 30 luglio 2010 alle 15:46

Cremella: amianto nell'ex allevamento dei visoni. Ordinanza di rimozione dal sindaco

Un anno di tempo per provvedere alla rimozione dell'amianto presente all'interno dell'ex stabilimento, da tempo dismesso, sede dell'allevamento di visoni Alvi Valletta.
E' quanto ha stabilito il sindaco di Cremella, Guido Besana che nei giorni scorsi ha emesso un'ordinanza per la messa in sicurezza del comparto, a seguito di quanto predisposto dagli uffici Asl di Lecco.
Si tratta della conclusione di una procedura avviata nelle scorse settimane e scaturita dalla segnalazione di alcuni residenti che avevano mostrato preoccupazione per la presenza della struttura che, ormai fatiscente, presenta attualmente delle coperture in cemento-amianto.


Un'immagine esterna dell'ex allevamento di visoni



Il comune ha conseguentemente richiesto un parere da parte dell'Asl di Lecco, che dopo aver effettuato un intervento sul posto, a inizio luglio ha consegnato al comune il risultato dell'indagine realizzata "sul campo".
I tecnici Asl hanno confermato che gran parte della struttura, che si estende a ridosso del parco della Valletta per una superficie complessiva di circa 7mila mq, presenta coperture costituite da lastre in cemento-amianto
Insomma, una situazione generale di potenziale pericolo per la salute pubblica, per la quale l'Asl ha ritenuto necessario che il comune emettesse un'ordinanza di bonifica del comparto, per ottenere la rimozione del materiale di copertura delle strutture.
Il sindaco ha quindi emesso un'ordinanza rivolta alla proprietaria della società, che dovrà provvedere alla messa in sicurezza della zona entro 12 mesi dalla data del documento.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco