Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 328.066.145
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 04 agosto 2010 alle 17:49

Casatenovo: fa ricorso al tribunale contro il comune per mantenere il doppio cognome

Ha presentato ricorso al tribunale di Lecco contro il provvedimento di variazione del cognome, preso dal personale dell'ufficio anagrafe del comune di Casatenovo.
Così al sindaco Antonio Colombo, è stato notificato qualche giorno fa il dispositivo, relativo al caso di una neo cittadina casatese.
La donna, di origine statunitense lo scorso 14 aprile era riuscita ad ottenere la cittadinanza italiana dopo diversi anni di permanenza in Italia. Una volta presentatasi agli uffici del comune per effettuare i passaggi burocratici del caso, aveva appreso che, secondo quanto previsto da un apposito decreto ministeriale, avrebbe dovuto rinunciare al doppio cognome, mantenendo solo quello paterno.
Una disposizione che la donna non ha voluto accettare, rivendicando la possibilità di mantenere il proprio nome (e cognomi) di battesimo.
Così ha deciso di presentare ricorso davanti al tribunale di Lecco contro il provvedimento disposto dall'ufficio di stato civile del comune casatese.
Con un'apposita deliberazione di giunta, il sindaco Antonio Colombo ha però deciso di non costituirsi in giudizio.
Non si tratta infatti del primo caso simile che interessa il comune di Casatenovo. Già in passato il primo cittadino si era dovuto confrontare con un ricorso presentato da una cittadina di origine straniera che rivendicava la possibilità di mantenere il doppio cognome. E in quel caso il tribunale di Lecco aveva dato ragione al privato.
"Si tratta di un dispositivo - ha commentato in proposito il sindaco Antonio Colombo - firmato dal ministero dell'interno. I comuni si limitano pertanto a recepire ed applicare le direttive, come nel nostro caso. Per questo motivo abbiamo deciso di non costituirci in giudizio, perchè riteniamo non sia una materia di competenza dei comuni".
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco