Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 328.068.449
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 09 agosto 2010 alle 13:36

Rogoredo: corteo per la festa di S.Gaetano e una 'sottoscrizione' per il nuovo oratorio

Grande festa ieri sera a Rogoredo di Casatenovo: numerosi hanno infatti partecipato alla tradizionale processione, organizzata per celebrare S. Gaetano, patrono del paese, al quale tutta la popolazione è molta devota.

La partenza del corteo

Il corteo, preceduto da un breve momento di preghiera nella chiesa parrochiale, si è infatti snodato lungo le principali vie della frazione: via S. Gaetano, via Madonnina, villaggio S. Gaetano, e ritorno in chiesa.

Il parroco don Sergio

Molti i volontari che si sono offerti di trasportare la portantina, sopra la quale era posta la statua del venerato Santo; i fedeli erano inoltre accompagnati dalla banda musicale di Brivio, che apriva il corteo.



La celebrazione è stata presieduta dal parroco, don Sergio Zambenetti, con l'aiuto di due sacerdoti, don Angelo Galbusera di Valaperta, e don Eustachio, di origine nigeriana.



Forti le parole di don Sergio durante l'omelia finale: "Nei momenti di crisi sono sorti dei Santi, come fari. S. Gaetano ci suggerisce di essere anche noi delle luci e degli esempi, in questo tempo in cui si sente forte il bisogno di cambiamento".



Il parroco ha poi ricordato il messaggio dell'arcivescovo Dionigi Tettamanzi: " La Chiesa siamo noi, solo nella misura in cui lo vogliamo - ha affermato - Siamo pietre vive, come ci ricorda Tettamanzi in quest'anno ormai trascorso, che costruiamo l'edificio della Chiesa. Vorremmo allora chiedere al Santo di pregare per noi".



Una festività importante dunque per l'intera comunità, che come tutti gli anni si è riunita con fede e devozione attorno al proprio Santo.



 "Non è una festa profana
- ha esordito così don Sergio, che ha proseguito ringraziando tutti i partecipanti e gli aiutanti: "Vorrei allora ringraziare tutti coloro che hanno colaborato per rendere più bella questa celebrazione. E' stata una festa comunitaria, che ha messo insieme le persone. Tutti hanno dimostrato di essere pietre vive, e quando è così la comunità funziona".



La ricorrenza religiosa è stata poi seguita da un momento comunitario. In oratorio si è infatti tenuto il concerto del corpo musicale "Giulia Recli" di Brivio, e l'estrazione dei biglietti della lotteria.



Tra i premi della sottoscrizione: uno scooter yamaha 30, un viaggio a Formentera di una settimana per due persone, e una bicicletta montain bike.



Durante la serata, era inoltre possibile acquistare ancora i biglietti, ed il bar è rimasto aperto. "La sottoscrizione non è andata bene, ma benissimo" ha così commentato una volontaria. Il ricavato sarà infatti destinato al progetto di costruzione del nuovo oratorio.
S.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco