• Sei il visitatore n° 345.035.904
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 10 agosto 2010 alle 15:19

Castello B: preti del decanato in festa per il 30° di ordinazione di don Biagio Fumagalli

Ha festeggiato nella mattinata di oggi i suoi 30 anni di sacerdozio, don Biagio Fumagalli, sacerdote nativo di Castello Brianza e da marzo cappellano presso l'ospedale "Mandic" di Merate, dopo 12 anni trascorsi a Ruginello di Vimercate.

Don Biagio Fumagalli

Per l'occasione è stata infatti celebrata una messa solenne alle ore 10.30 nella chiesa parrocchiale di S. Lorenzo Martire a Castello, alla quale sono stati invitati anche tutti i sacerdoti del decanato di Oggiono.



Grande festa dunque per tutta la comunità, che si è così riunita non solo attorno ai sacerdoti presenti, ma anche al patrono, San Lorenzo.



Durante il canto del gloria, è stato infatti bruciato un pallone, simbolo del martirio del Santo.



Importanti le parole di don Biagio durante l'omelia: "Vorrei ringraziare voi fedeli e don Mauro, il vistro parroco, per l'invito" ha così esordito "Come Lorenzo, anche noi siamo chiamati alla santità!



Questa è una meta del nostro cammino, di fede ma anche umana, ed è una meta non solo di qualcuno, ma di tutti.



Siamo allora chiamati a spenderci per gli altri, e dobbiamo dimostrare in questo tempo di ricchezze, che il nostro tesoro sono le mani vuote ed il cuore vuoto, pronti per aprirsi all'amore verso gli altri"
.



Anche don Mauro, parroco di Castello, ha voluto esprimere alla fine della celebrazione la sua gratitudine verso don Biagio e verso i fedeli.




 "Vi ringrazio, perchè questa festa patronale si è caratterizzata per familiarità ed unità.

Il nuovo decano, don Giorgio Salati

Grazie, perchè abbiamo fatto le cose per bene -
ha affermato - e abbiamo dimostrato di essere uniti tutto l'anno, uniti ai sacerdoti, e alle loro difficoltà".



Una ricorrenza significativa dunque per la comunità di Castello Brianza, che ha partecipato numerosa alla solennità.



Ad accompagnare i sacerdoti durante la messa, oltre ai molti fedeli presenti, anche il coro del paese, e la radio locale, che ha trasmesso la messa in diretta per i cittadini a casa, soprattutto agli anziani ed ai malati, impossibilitati a recarsi in chiesa.

S.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco