Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.748.908
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 16 agosto 2010 alle 16:40

In 15 mesi la Diocesi ha elargito 355.400 euro ai Decanati di Missaglia e Oggiono, ma le offerte sono state di 45.785 euro

Tempo di bilanci per il Fondo Famiglia Lavoro, l'iniziativa della Diocesi di Milano finalizzata a dare un aiuto concreto ai più bisognosi.
Nato da un'idea dell'arcivescovo Dionigi Tettamanzi, il fondo di solidarietà ha saputo in circa un anno e mezzo, accogliere le esigenze di molte famiglie del nostro territorio, che anche soprattutto a causa della crisi economica, sono state costrette a bussare alla porta dei Centri di Ascolto Caritas presenti nelle varie parrocchie dei decanati.
Eppure, a fronte di stanziamenti anche ingenti da parte della Diocesi di Milano, dai dati aggiornati al 3 giugno scorso emerge una forte spaccatura tra i contributi conferiti ai più bisognosi e le offerte raccolte dalle singole parrocchie.

L'arcivescovo Dionigi Tettamanzi

Proprio a inizio anno, la Diocesi aveva coniato un nuovo slogan, parlando di "Federalismo solidale". Un appello a suo tempo lanciato da Monsignor Eros Monti, vicario episcopale per la Vita sociale, a contribuire al Fondo Famiglia-Lavoro, in ragione del perdurare della crisi e anche della già quasi totale erogazione delle somme raccolti sin qui.
Emblematico è a questo proposito, il caso del decanato di Oggiono, dove a fronte dei 220.500 euro elargiti alle famiglie in difficoltà dal Fondo Famiglia Lavoro, ne sono stati raccolti solo 21.995.
Ma veniamo ai dati del nostro territorio, focalizzando la nostra attenzione sui decanati di Missaglia e Oggiono, ai quali la Diocesi ha contribuito per 355.400 euro, raccogliendo solo 45.785 euro:

DECANATO DI MISSAGLIA
E' costituito da 17 parrocchie, 4 unità pastorali e 8 comuni, per una popolazione di 40mila abitanti.
Le offerte devolute al Fondo Famiglia Lavoro al 3 giugno 2010 ammontano a 23.790 euro. Non molto se si considera che la Diocesi ha corrisposto al decanato un contributo complessivo di 134.900 euro. In media ogni parrocchia ha devoluto circa 1400 euro.
Il Fondo Famiglia Lavoro ha accolto le richieste di 63 nuclei familiari, respingendone 23.

DECANATO DI OGGIONO
Comprende 12 parrocchie per 12 comuni, con una popolazione stimata in circa 40mila abitanti.
In un anno e mezzo circa hanno contribuito al Fondo Famiglia Lavoro per 21.995 euro. Questo significa che in 15 mesi, le parrocchie oggionesi hanno devoluto in media 1466 euro.
Decisamente poco se si considera che nella Zona di Lecco, il decanato oggionese è quello che ha ricevuto il contributo maggiore, stimato in 220.500 euro al 3 giugno 2010.In particolare, sulle 136 domande presentate ai vari Centri d'Ascolto, la Diocesi ne ha accolte 100.
"È un dato che deve far riflettere soprattutto in questa fase, in cui il Fondo ha bisogno di una nuova boccata di ossigeno", rileva monsignor Monti. Se vale a evidenziare il meritorio contributo di alcuni decanati, deve anche stimolare altri a fare di più.

G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco