Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.756.524
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 06 settembre 2010 alle 18:26

Missaglia: i residenti di 'Campù', esasperati dal rumore della Sircatene. Rossella Sirtori: 'attività svolta secondo le regole'

Sono esasperati i residenti di Cascina Campù di Missaglia. Il rumore proveniente dalla vicina zona industriale è divenuto ormai insopportabile.
La questione in realtà è nota da tempo, ma sino ad ora non ha conosciuto, a loro dire, una soluzione definitiva.
Così qualche settimana fa una quindicina di residenti ha inviato un esposto alla Procura di Lecco per manifestare il proprio disappunto, insieme al "diritto alla quiete".

Cascina Campù a Missaglia

Oggetto delle lamentele dei missagliesi è, in particolare, l'attività della Sircatene, azienda situata in Via Rossini, nel cuore della zona industriale di Missaglia. Un'area che confina al tempo stesso proprio con Cascina Campù, nucleo rurale che domina dall'alto la frazione di Barriano.
"Il disturbo acustico - si legge nell'esposto dei residenti - ha inizio alle ore 6 del mattino, prosegue per tutta la giornata lavorativa, termina alle ore 22 ed è reso ancora più molesto in questo periodo d'estate. Continuiamo a subire un danno biologico, cioè danno alla salute; danno esistenziale, cioè danno al normale equilibrio psico-fisico e danno patrimoniale dovuto alla svalutazione dell'immobile nel quale viviamo".
Come dicevamo il problema non è nuovo, ma si trascina ormai dal 2006 quando, su richiesta dei residenti, l'Arpa aveva compiuto un'indagine fonometrica con rilievi proprio a Cascina Campù, chiedendo di essere aggiornata dal comune missagliese sull'evolversi della situazione. Ma secondo i residenti, a distanza di anni nulla sembra essere cambiato.

La sede della Sircatene a Missaglia

"Continuiamo ad essere disturbati - ha spiegato Ezio Giubilo, referente del comitato - nonostante le misure di adeguamento richieste dall'Arpa. Non sono bastate le nostre continue sollecitazioni agli organismi competenti, tra cui il comune di Missaglia. L'Arpa ha recentemente detto di essere disposta ad affiancare gli uffici comunali nella valutazione delle pratiche inviate da Sircatene. La situazione sino ad ora rimane per noi molto pesante. Siamo esasperati".
Interpellata sulla questione la titolare dell'azienda, Rossella Sirtori ha spiegato come l'attività della Sircatene rispetti le normative acustiche vigenti.

Rossella Sirtori

"Qualche tempo fa abbiamo incaricato una società esperta nel settore di effettuare rilievi fonometrici. I risultati hanno dimostrato che non viene superata la soglia di rischio. Capisco le lamentele dei residenti che vivono in una cascina e vorrebbero maggiore tranquillità, ma noi ci troviamo in un contesto industriale e abbiamo il diritto di lavorare. In questi ultimi anni abbiamo sempre cercato di andare incontro alle esigenze dei cittadini, ma certe volte non è proprio possibile tenere tutte le porte chiuse, soprattutto d'estate. Abbiamo presentato qualche mese fa al comune di Missaglia un progetto di riqualificazione che riguarda la nostra attività. Nonostante la crisi economica attuale, crediamo in un rilancio e siamo in attesa di risposte da parte dell'amministrazione comunale. Nel frattempo non posso che difendere il nostro diritto al lavoro".
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco