• Sei il visitatore n° 339.884.612
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 09 settembre 2010 alle 18:02

Sirone: carovane di rom, il sindaco incontra il prefetto. "Situazione ormai insostenibile"

Hanno abbandonato i terreni occupati nella giornata di domenica le due "carovane" di nomadi stanziatesi all'interno di due terreni rientranti nei confini del comune di Sirone.
Una vera e propria "invasione", in totale oltre una cinquantina di mezzi dislocati tra via don Brambilla e via Turati, che non aveva mancato di suscitare la ferma reazione del sindaco Matteo Canali, immediatamente corso ai ripari con la firma di un'ordinanza di sgombero e la richiesta nei confronti della Prefettura di trovare strumenti efficaci volti a risolvere l'annosa questione delle occupazioni abusive di suolo pubblico da parte delle carovane.



Episodi analoghi si erano registrati durante il mese di agosto nei vicini comuni di Castello Brianza, Dolzago e Casatenovo, dove gruppi di caravan e roulottes avevano occupato terreni privati e comunali senza alcun tipo di permesso o preavviso.
Al termine di ogni sgombero, tuttavia, la situazione si è ripresentata in forma identica all'interno dei confini di un comune contiguo, con una sorta di "scaricabarile" tra le diverse amministrazioni e il lento peregrinare di queste comitive da un comune all'altro del territorio lecchese.
Nella mattinata di oggi il sindaco Canali è stato ricevuto dal neo Prefetto lecchese dott. Marco Valentini, al fine di valutare la situazione e formulare un'ipotesi di lavoro per ovviare a questo particolare problema che, ogni estate, si ripresenta in forma analoga soprattutto nei comuni a cavallo tra casatese e oggionese.



"Nel corso dell'incontro ho illustrato al nuovo Prefetto la natura del problema, particolarmente sentito dai comuni del circondario da ormai 5, 6 anni - ha spiegato il primo cittadino di Sirone - nei mesi che vanno da luglio a settembre queste carovane vengono di fatto "rimbalzate" da un comune all'altro dalle ordinanze di sgombero, consentendo a queste persone di soggiornare per alcuni giorni sul territorio comunale senza che vengano rispettate le più semplici norme igienico sanitarie, data la mancanza su queste aree di servizi igienici e allacciamenti fognari. Con il Prefetto abbiamo avuto un primo e positivo incontro informativo. Da parte sua la Prefettura valuterà la situazione e verificherà l'esatta natura del problema, al fine di poter fissare un secondo incontro in tempi ragionevolmente brevi".



Dall'incontro sarebbe inoltre emersa una prima ipotesi di lavoro, al momento riservata, riguardante il problema delle occupazioni estive delle carovane nomadi. Con ogni probabilità la vicenda sarà inoltre posta all'attenzione del Prefetto di Milano Gian Valerio Lombardi, nominato dal ministro Maroni commissario straordinario per l'emergenza rom.
R.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco