• Sei il visitatore n° 340.224.726
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 27 settembre 2010 alle 18:00

Rogeno: 34enne fermato per stalking e violenze nei confronti dell'ex compagna che lo aveva lasciato dopo 2 anni di unione

Non accettava la separazione dall'ex compagna che l'aveva lasciato dopo due anni di relazione.
Così da qualche mese la perseguitava, vessandola con minacce, ingiurie e percosse.
Un lungo periodo di umiliazioni fisiche e psicologiche, finchè la donna, una 34enne residente a Rogeno, non ha deciso di denunciare l'ex compagno ai carabinieri della stazione di Costa Masnaga.
L'uomo, T.U. anch'egli di 34 anni e residente a Lecco, è stato arrestato lo scorso sabato con l'accusa di stalking.
Non sfogava la sua rabbia solo sull'ex fidanzata, ma anche sul figlio di quest'ultima, nato da una precedente relazione.
Le molestie subite dalla donna si erano inizialmente concretizzate in telefonate ed sms dai toni minacciosi, ma si sono fatte via via sempre più pesanti.
Violenze fisiche subite dalla 34enne e dal suo bambino, addirittura dispetti e minacce di future punizioni con l'aiuto di Satana. Una vera e propria tortura, una prigione fatta di paura e ansia che la donna non riusciva più a sostenere.
Con l'inizio di settembre poi, la situazione si era fatta ancora più insopportabile.
T.U. aveva infatti accentuato i suoi comportamenti ossessivi, incrementando le minacce nei confronti dell'ex compagna e del figlioletto. La donna si è così convinta a denunciare tutto ai militari.
Le indagini effettuate dai carabinieri di Costa Masnaga hanno consentito al pubblico ministero, dottor Luca Fuzio di richiedere un provvedimento restrittivo in carcere all'autorità giudiziaria di Lecco.
Il 24 settembre, il giudice per le udienze preliminari, dottor Massimo Mercaldo ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare ai danni del 34enne lecchese.
I carabinieri della stazione di Costa Masnaga hanno tratto in arresto l'uomo nel primo pomeriggio di sabato.
L'operaio, fermato per stalking, minacce, ingiurie e percosse, è stato prelevato dalla sua abitazione e condotto presso il carcere di Pescarenico.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco