Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 213.403.782
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 31/10/19

Lecco: V.Sora: 32 µg/mc
Merate: 42 µg/mc
Valmadrera: 32 µg/mc
Colico: 35 µg/mc
Moggio: 68 µg/mc
Scritto Martedì 05 ottobre 2010 alle 17:15

Indagine del Comitato pendolari sui ritardi del 'besanino'. Situazioni di disagio contenute


Non ci sono stati particolari ritardi, ma di certo il "besanino" non conserva più la puntualità di un tempo.
A dimostrarlo è l'indagine effettuata dal comitato pendolari, che hanno monitorato nel dettaglio, i ritardi registrati dai convogli della linea Lecco-Milano via Molteno, dal mese di gennaio sino a settembre.
Ne emerge un quadro tutto sommato positivo. In tutti i mesi monitorati infatti, più del 65% dei treni ha registrato ritardi nell'ordine dei 5 minuti, quindi nella norma.
Nel 19 sino al 28% dei casi invece, il besanino è arrivato con un ritardo compreso tra i 6 e i 15 minuti.
I casi più critici, con i convogli giunti a destinazione con più di un quarto d'ora di ritardo, si sono verificati con percentuali che vanno dai 2.5 all'8% dei casi.
Il mese più critico da questo punto di vista è stato luglio, quando l'8% dei treni hanno registrato ritardi da bollino rosso.
Il monitoraggio ha interessato con particolare attenzione i giorni lavorativi, da lunedì a venerdì, nelle fasce critiche: dalle 6 alle 10 e dalle 18 alle 22.
Ecco nei dettagli quanto è emerso dall'indagine del comitato pendolari:

 


G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco