Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 283.586.764
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 19 ottobre 2010 alle 17:46

Monsignor Ravasi: arte e fede si muovono di pari passo verso la ricerca del senso della vita

Monsignor Ravasi ha introdotto l'incontro parlando del tema della serata, il rapporto tra fede e bellezza.
"L'arte come la religione, non insegna nulla, tranne il valore della vita". Una frase pronunciata dallo scrittore americano Henry Miller, che secondo il religioso riesce a riassumere alla perfezione il senso dell'incontro.



L'arte, secondo Monsignor Ravasi, è però un concetto difficile da trattare. E assai arduo da scoprire per l'uomo che, vivendo in un contesto di superficialità, non riesce ad individuarla e ad assaporarne la vera essenza.
"Bellezza e fede sono due concetti che devono andare di pari passo - ha spiegato - poichè l'arte della fede ci deve consentire di aprire quella feritoia di superficialità, per scoprire il mistero, l'eterno, l'infinito e il divino, che rappresenta in sostanza il vero senso della vita".

VIDEO



"Il bello non è per forza razionale - ha proseguito il religioso - non è mera intuizione ma è qualcosa che arriva dall'alto, spesso non ha una spiegazione. La bellezza è lotta contro la bieca razionalità, è l'atteggiamento di stupore di un bambino che raccontava Pascoli. E spesso la bellezza si trova più facilmente se si è illuminati dalla fede".
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco