• Sei il visitatore n° 340.270.173
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 06 novembre 2010 alle 13:59

I residenti di Via Scerè replicano a foglio. ''La penna del cigno'' di Binda e ''compari''

Vorrei che una volta tanto prima di scrivere e mandare in giro un foglio “La penna del cigno” il signor Gianni Binda e compari avessero preso la briga di rivolgere l’attenzione ai residenti della via in questione. Perché se veramente l’avessero fatto non avrebbero scritto delle inesattezze:

- è ormai da trent’anni che sollecitiamo la messa in sicurezza della strada via Scerè anche alle precedenti amministrazioni comunali. Avendo sempre risposte negative al riguardo ci siamo sempre arrangiati a sistemare alla buona il pezzo di strada di quasi 50 metri, e non 20 (considerato che per quasi 25 anni ci è stato detto che la strada era privata e non comunale). Sostenendo oltre tutto le spese relative alla fognatura che per altro non abbiamo tutt’ora

- siamo residenti e paghiamo le tasse come tutti gli altri abitanti di Bosisio, quindi abbiamo anche noi il diritto di sicurezza come tutti gli altri. Ci chiediamo dove siete stati per oltre 30 anni?

- riguardo la strada di 2,50 metri che il sig. Binda Gianni dichiara una moderna “forca caudina” è una strada privata che i proprietari non hanno ceduto al comune per fare l’attraversamento da via Belvedere. E per la cronaca non porta alla prima casa ma all’ultima. E poi siamo sicuri che l’ambulanza passi... se è questo il vero problema!!

- vorrei finire dicendo che per noi residenti non importa chi pagherà la strada, ma solo della nostra sicurezza e dei nostri figli... considerando che per 30 anni abbiamo pagato senza avere indietro niente!!!!!
I residenti di via Scerè
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco