Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.811.288
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 14 novembre 2010 alle 17:03

Servizio idrico integrato: l'acqua è ora piu' salata ma che resti pubblica

Dal 1° NOVEMBRE 2010 è diventato operativo,in Provincia di Lecco, il SERVIZIO IDRICO INTEGRATO (acquedotto, fognatura e depurazione) gestito dalla società IDROLARIO, formata dai Comuni che hanno deciso di aderire (la maggioranza dei Comuni della Provincia). Con questa operazione la gestione di questo servizio passa in carico a questa Società pubblica e quindi ci si dovrà rivolgere ai suoi uffici per allacciamenti, guasti, pagamento consumi e per tutto quanto lo riguarda. Da questa data , tutte le proprietà dei Comuni sono passati a questa società di cui sono i soci. La novità riguarda le tariffe che saranno uguali per tutta la Provincia e che hanno subito un aumento proporzionale in base a quanto si pagava in ogni singolo Comune precedentemente. Le nuove tariffe sono divise in fasce di consumo a cui si aggiunge una quota fissa (assente in precedenza) di Euro/anno 25 per utenza. Una domanda nasce a questo proposito, alla quale IDROLARIO ed il suo Presidente BUZZI dovrebbero dare una risposta chiarificatrice. La quota fissa come mai è uguale per una abitazione singola (indipendente) ed un condominio dove a dividersela sono piu' utilizzatori del servizio? Anche in questo caso emerge un diverso trattamento economico da spiegare. Un esempio, per avere un'idea della differenza tra vecchie e nuove tariffe, per MOLTENO, è il seguente: CONSUMO IN UN QUADRIMESTRE MC 80 VECCHIA TARIFFA EURO 74 NUOVA TARIFFA EURO/MC 1,22 X MC80 (fascia da mc55 a mc165) = EURO 97,6 a questa cifra aggiungere EURO 8,33 di quota fissa (EURO/ANNO 25 : 12 X 4) EURO 97,6 + 8,33 = EURO 105,93 AUMENTO EURO 31,93 Lascio a chi legge un esercizio di calcolo per stabilire la percentuale. Ancora una volta si deve parlare di aumento di tariffa in un momento difficile per i cittadini. E' auspicabile che queste nuove tariffe, che comportano un incremento di spesa, oltre che agli stipendi del Presidente, del Consiglio di amministrazione e del rinnovo degli uffici (che sono stati approvati come prima operazione), portino ad investimenti per il mantenimento ed il miglioramento di questo indispensabile servizio e che lo stesso rimanga saldamente nelle mani dei Comuni e che la gestione rimanga quindi pubblica. Questo lo dico perché all'orizzonte ci sono novità che lasciano seri dubbi sul discorso pubblico di questa gestione dopo l'approvazione della legge regionale.
Emilio Magni - Italia dei Valori Molteno
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco