Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 239.238.272
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 19 novembre 2010 alle 00:19

Nibionno: rapinatore la minaccia con un coltello e lei, 81enne titolare di un panificio, lo fa scappare con un misero ''bottino''

Nonostante fosse stata minacciata con un coltello da cucina, non si è scomposta più di tanto. Al contrario ha chiesto al

rapinatore di non fuggire con l'intero incasso, frutto di un pomeriggio di lavoro. E la sua richiesta è stata esaudita.
L'episodio è avvenuto ieri pomeriggio a Cibrone di Nibionno e ha avuto come protagonista Irma Fumagalli, storica commerciante residente in paese.
81 anni di esperienza e cordialità che la rendono una dei personaggi simbolo della comunità nibionnese dove vive dal 1953, da quando cioè, ha avviato l'attività insieme al marito.
L'anziana si trovava come ogni giorno, nel suo panificio di Via Montello, a pochi passi dalla parrocchia.
Erano le 16,30 circa quando nel piccolo minimarket ha fatto il suo ingresso un ragazzo. "L'ho visto entrare dalla porta - ci ha spiegato la signora Irma - ma dopo qualche minuto si trovava ancora dietro agli scaffali. Così, pensando che avesse bisogno di un aiuto, gli sono andata incontro. Appena mi ha visto, si è coperto parte del viso con la sciarpa che aveva al collo e ha estratto un coltello".
Un gesto inaspettato per la commerciante, che di certo non pensava di trovarsi davanti un baby-rapinatore.
Il giovane, che la donna descrive come italiano dall'accento locale e con meno di 18 anni, ha subito chiesto all'anziana di consegnargli i soldi dell'incasso.
"Era molto insistente, più volte mi ha ripetuto di dargli i contanti mentre con il braccio mi accompagnava verso la cassa. Non mi ha fatto male, anche perchè era molto giovane, ma deciso nei modi".
Una volta giunta davanti al registratore di cassa, su minaccia del rapinatore, Irma Fumagalli ha aperto il cassetto pronta ad estrarre il denaro contante in esso contenuto.
"Appena ha visto i soldi ha cercato di afferrarli" ha spiegato la donna che, d'istinto, ha chiesto al giovane malvivente di non svuotare completamente la cassa. "Lasciami dentro qualcosa" ha affermato la commerciante, quasi per nulla intimorita dal rapinatore.
In effetti la richiesta dell'anziana è stata esaudita. Il ragazzo, che non si aspettava una reazione così ferma da parte della donna, ha arraffato una cinquantina di euro, per poi dileguarsi in fretta e furia.
"Non ho opposto resistenza, ho semplicemente reagito d'istinto - ha spiegato la Fumagalli - e quando è scappato ho cercato di rincorrerlo, ma molto velocemente ha svoltato a sinistra ed è sparito nel nulla. Forse c'era qualcuno ad aspettarlo. Ho gridato che avrei chiamato i carabinieri, ma forse non mi ha neanche sentito".
In effetti l'anziana, dopo aver raccontato quanto le era accaduto ai suoi figli, si è recata presso la caserma di Costa Masnaga per denunciare l'accaduto.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco