Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 242.464.292
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 21 novembre 2010 alle 20:58

Cassago: cena di solidarietà per Nonno Luigi Panzeri

Una cena di solidarietà quella svoltasi lo scorso giovedì presso il centro pensionati di Cassago. Ospite della serata è stato Nonno Luigi Panzeri, da anni impegnato in opere missionarie a favore della comunità di Oldonyro, in Kenya.
"Il Sindaco e l'amministrazione comunale" ha spiegato Carla Cattaneo, Presidente dell'Associazione Pensionati Cassaghesi "ci hanno chiesto di organizzare questa iniziativa nelle scorse settimane; noi abbiamo aderito con gioia, sapendo di poter creare nel nostro centro un momento conviviale di grande solidarietà ed aperto a tutti".

Foto di gruppo per alcuni soci dell'associazione pensionati
con il sindaco e alcuni membri dell'amministrazione

Luigi Panzeri, Nonno Luigi come viene chiamato da tutti, dopo un periodo trascorso in Kenya oltre 25 anni fa come missionario laico, ha deciso nel lontano 1996 di costruire, partendo da zero, un progetto umanitario. E' nato così Ndugu Zangu, villaggio che è ormai divenuto vero e proprio punto di riferimento per la popolazione locale dei Samburu. Questi ultimi oggi possono contare su alcuni pannelli solari per la produzione di energia elettrica, su un pozzo per l'approvvigionamento di acqua potabile e su un buon ospedale di primo soccorso. Nella comunità africana tutti hanno inoltre la possibilità di usufruire secondo necessità del lavoro di idraulici, fabbri, falegnami, meccanici ed elettricisti, grazie all'opera di formazione di Nonno Luigi.
Nel 2001 il cassaghese ha iniziato a chiedersi cosa si poteva fare per salvare i tanti bambini cardiopatici residenti nella comunità di Ndugu Zangu. Grazie alla sua tenacia e all'aiuto di molti ha deciso di portarli in Italia; sono nati dunque i "viaggi della speranza", allo scopo di sottoporre i piccoli malati ad interventi al cuore sicuri, ma anche spesso costosi e delicati.
"Ad oggi"
ci ha detto Nonno Luigi, che ormai risiede stabilmente in Kenya "sono oltre 100 i bambini che abbiamo operato con successo e possono avere un futuro nella loro terra. Ci siamo occupati di ogni loro sotto ogni profilo: dal viaggio in Italia all'operazione, dall'alimentazione all'istruzione".

 

Il simbolico contributo di partecipazione alla cena cassaghese era di 20 euro, che saranno interamente devoluti alla missione in Kenya di Nonno Luigi. In particolare, il menù prevedeva una ricca serie di portate: dal risotto all'arrosto di vitello con patate al forno per arrivare all'ananas con gelato; poi acqua, vino e caffè.
La serata è stata ravvivata, tra un piatto e l'altro, da alcuni racconti e proiezioni sulle attività di Ndugu Zangu; alla testimonianza è poi seguita l'estrazione della lotteria a premi anch'essa benefica.
Nel clima di convivialità sono intervenute quasi una cinquantina di persone, fra cui molti soci dell'Associazione Pensionati Cassaghesi ed alcune autorità, il Sindaco Gian Mario Fragomeli, il Vicesindaco Rosaura Fumagalli e i consiglieri Massimo Ghezzi e Andrea Tedeschi.
Durante la cena abbiamo parlato con Nonno Luigi, il quale ci ha parlato, mostrando la sua grande passione, dei più recenti sviluppi avvenuti nell'ultimo periodo all'interno della comunità in cui opera. "Attualmente a Ndugu Zangu" ha spiegato Luigi Panzeri "ci sono oltre 200 bambini e ragazzi in situazione critica: abbandonati dalla famiglia o orfani oppure con disabilità varie o colpiti da malattie. Il primo desiderio è quello di continuare ad operare con questi ragazzi in difficoltà.

 

Tuttavia, c'è anche un secondo progetto, non meno importante del primo, che prevede la costruzione di una scuola di ciclo primario (gli 8 anni di elementare e media) pubblica ed interna alla comunità. In realtà esiste già una struttura scolastica di cui i ragazzi potrebbero usufruire; il problema è che questa si trova ad oltre 5 kilometri di distanza da noi ed il tragitto sarebbe da percorrere per intero a piedi. Naturalmente i ragazzi con problemi di cuore o di handicap non hanno questa possibilità e, di conseguenza, perdono spesso ogni diritto al'istruzione".

Sito di riferimento: www.amicidinduguzangu.org
Indirizzo mail: nonnoluigi@nzkenya.com

Alberto Molteni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco