Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 215.371.701
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Scritto Mercoledì 08 dicembre 2010 alle 18:42

Barzanò: festeggiato il 95° compleanno di Mons Mario Cazzaniga, storico cappellano dell'ospedale San Gerardo, nativo del paese

Nella solennità dell'Immacolata Concezione, la comunità di Barzanò si è stretta attorno a Monsignor Mario Cazzaniga, che è stato festeggiato per il suo 95esimo compleanno durante la messa delle 11 nella chiesa parrocchiale di San Vito.

Da sinistra don Giuseppe Scattolin, Monsignor Mario Cazzaniga e don Eugenio Perego

Nato a Barzanò il 16 ottobre 1915, Monsignor Cazzaniga ha trascorso un'infanzia difficile a causa della prima guerra mondiale, durante la quale il padre del sacerdote fu fatto prigioniero in Austria.



Nel 1944 venne ordinato sacerdote, e iniziò a svolgere la sua prima missione a Besana come coadiutore.



Si spostò poi all'ospedale San Gerardo di Monza, dove rimase come cappellano fino al 1986.
Proprio ieri, martedì 7 dicembre, Monsignor Cazzaniga è stato inoltre promosso Canonico Maggiore della Basilica di S. Ambrogio a Milano dal cardinale Tettamanzi.



"Tutta la sua vita l'ha spesa vicino ai sofferenti e agli ammalati" ha esordito il parroco di Barzanò, don Giuseppe Scattolin "Siamo felici di averlo qui con noi oggi nella celebrazione di questo 8 dicembre".



Durante l'omelia, Monsignor Cazzaniga ha voluto ringraziare i fedeli presenti ed il parroco per l'invito. "Cari compaesani, sono molto commosso. Ringrazio il Signore per la celebrazione di oggi in questa chiesa, perchè è qui che è nata la mia vocazione sacerdotale".



Una vita di servizio dunque quella del sacerdote, che non ha dimenticato il suo paese di origine, Barzanò: su commissione della madre infatti, Monsignor Cazzaniga aveva incaricato la restaurazione della cappella della Madonnina.



"Un po' scrittore, un po' poeta, mistico ed esploratore". Così il cardinale Carlo Maria Martini ha definito monsignor Mario Cazzaniga, prete che figura nel romanzo del candidato premio Nobel Eugenio Corti, "Il cavallo rosso'' .



Riconoscenza ed affetto dunque quello espresso dai barzanesi, che numerosi hanno partecipato alla solennità, durante la quale è stata inoltre convocata la Confraternita.



"Ci tengo molto a questa presenza - ha commentato il parroco, don Scattolin - rappresentano un pò il senato della parrocchia, che aiutano nella crescita di fede e nelle varie iniziative a sostegno delle famiglie".



Per tutta la giornata è inoltre proseguita la vendita di oggetti natalizi in oratorio, e sul sagrato della chiesa era possibile acquistare il riso, a sostegno dei missionari della Consolata.

Simona Alagia
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco