Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 215.354.476
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Scritto Mercoledì 08 dicembre 2010 alle 19:39

Costa: morì sul lavoro. 4 condanne dal tribunale

Quattro condanne ed una assoluzione, per la morte di un operaio trentaseienne di Costamasnaga, morto in un terribile incidente sul lavoro in un'azienda di Briosco tre anni fa, quando cadde in una vasca piena di trielina. Due anni ciascuno, con la sospensione condizionale della pena, per i due titolari; tre mesi, convertiti in pena pecuniaria per due operai dell'azienda accusati di favoreggiamento; assoluzione infine per E.P., difeso dall'avvocato Giulio Tagliabue, indicato erroneamente come responsabile della sicurezza. Questa la sentenza pronunciata lunedì dal giudice Giuseppina Barbara, del tribunale di Monza, che ha dimezzato le pene per i titolari, a fronte addirittura di una richiesta di condanna a quattro anni ciascuno, avanzata in sede di requisitoria dal pubblico ministero Manuela Massenz. Ai due, assistititi dall'avvocato Andrea Folco, sono state concesse le attenuanti generiche. Già risarciti prima dell'inizio del processo, invece, i familiari del 36enne, che era padre di famiglia, i quali non si sono costituiti parte civile. Omicidio colposo l'accusa per i titolari, favoreggiamento, per non aver riferito la verità sulle circostanze in cui è morto il lavoratore, per i due operai.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco