Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 214.914.641
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/11/19

Lecco: V.Sora: 74 µg/mc
Merate: 73 µg/mc
Valmadrera: 77 µg/mc
Colico: 68 µg/mc
Moggio: 96 µg/mc
Scritto Sabato 11 dicembre 2010 alle 15:21

Acqua pubblica: ok dalla Cassazione. Voto in primavera

Un successo per il Comitato promotore referendario che negli scorsi mesi si è impegnato nella raccolta firme per i tre quesiti referendari "per l'acqua pubblica": la Corte Suprema di Cassazione ha detto sì. Ieri è infatti arrivata la notizia ufficiale dell'avvenuto conteggio delle firme necessarie alla richiesta dei referendum (1 milione e 400 mila sottoscrizioni). Adesso toccherà alla Corte Costituzionale dare il via libera ai quesiti entro la metà di febbraio, mentre la data del voto è prevista nella primavera 2011.

Con l'avvicinarsi del voto popolare si fa dunque sempre più pressante la richiesta di moratoria da parte dei comitati acqua pubblica sulle scadenze del Decreto Ronchi, una proroga "almeno fino a quando gli italiani non i saranno espressi".

In particolare l'ordinanza della Cassazione ha specificato:

- l'accertamento del superamento del numero di 500.000 firme necessarie per ciascun quesito

- la volontà di non procedere alla concentrazione del 2° quesito con quello promosso dall'IdV

- la decisione di estendere il il 1° quesito con la seguente frase "nel testo risultante a seguito della sentenza n. 325 del 2010 della Corte costituzionale"; e il secondo con "nel testo risultante dall'articolo 12 del d.P.R. 7 settembre 2010 n. 168").

Soddisfazione è stata espressa dai Comitati Acqua: "Si tratta di un risultato che tutte e tutti ci attendevamo e di un ulteriore passo in avanti verso i referendum per l'acqua pubblica. Questa è una conferma dello straordinario lavoro svolto dal "popolo dell'acqua" ma il nostro impegno va avanti".

M.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco