Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 242.774.245
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 27 gennaio 2011 alle 21:32

Rogge abbandonate e inquinate

Purtroppo la verita viene sempre a galla.
I cittadini, i comitati continuano a denuciare che le nostre rogge, le bevere ed infine il Lambro sono scarichi delle acque nere: I comuni dicono di no, non è vero, ma non si fa nessuna manutenzione, e adesso si scarica tutto su Idrolario.
Vi ricordo che è nata a novembre del 2010, tre mesi fa.
Questo vale per tutti i comuni. ALTRO CHE LAMBRO PULITO. Dove si è pensato a mettere fiori e piste ciclabili senza pensare alla manutenzione delle fognature.
Le amministrazioni comunali possono intervenire per contrastare il rischio idrogeologico essenzialmente in due diversi settori:
• nelle attività ordinarie legate alle gestione del territorio, quali la pianificazione urbanistica, gli interventi di delocalizzazione di abitazioni e di altri fabbricati dalle aree a rischio, l’adeguamento alle norme di salvaguardia dettate dai Piani di bacino e la corretta manutenzione delle sponde e delle opere idrauliche
• nella redazione dei piani di emergenza – che devono essere aggiornati e conosciuti dalla popolazione, perché sappia esattamente cosa fare e dove andare in caso di emergenza - nonché nell’organizzazione locale di protezione civile, al fine di garantire soccorsi tempestivi ed efficaci in caso di alluvione o frana
Grazie
C.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco