Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 270.295.638
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 05 febbraio 2011 alle 18:29

Viaggio da Valaperta a Usmate. 2,5 chilometri di strada priva di luci e spazi per i pedoni, tra guard-rail danneggiati e rifiuti

Un'odissea per i casatesi raggiungere la stazione di Carnate percorrendo la provinciale che collega la frazione di Valaperta ad Usmate, passando per Lomagna.
Una situazione che, chiariamo da subito, non è per nulla nuova. Il tracciato che conduce verso la tangenziale Est versa da sempre in condizioni davvero allarmanti.

Via della Resistenza a Valaperta

Asfalto privo della mezzaria per dividere le due corsie, assenza di marciapiedi o banchine percorribili da pedoni o ciclisti, buche, guard rail arrugginiti e spazzatura gettata ogni dove.
Un quadro davvero allarmante, al quale va aggiunta l'assenza in alcuni tratti di pubblica illuminazione, che trasforma l'arteria nelle ore serali, in una specie di ''selva oscura''.



Abbiamo deciso di percorrere la provinciale partendo da Valaperta e arrivando nei pressi del cimitero di Usmate passando per Lomagna, mettendoci nei panni dei numerosi pendolari casatesi che, nelle giornate meno fredde, decidono di raggiungere la stazione ferroviaria di Carnate in bicicletta o in sella ad un ciclomotore.

Via Leonardo da Vinci a Lomagna

Già a Valaperta la situazione si fa da subito preoccupante, in particolare nel tratto compreso tra la chiesina della Madonna della Neve e il cippo dei partigiani caduti a seguito dell'Eccidio del 1945. La strada è talmente stretta da rendere quasi difficoltoso il passaggio contemporaneo di due mezzi che transitano in sensi di marcia opposti. A brillare è l'assenza di un marciapiede o di una banchina sufficientemente larga da consentire ai pedoni di percorrerlo.



Appena ci si spinge nella zona boschiva che piega verso destra, in direzione Lomagna, lo scenario non cambia, offrendo strade prive di guard-rail, senza illuminazione e segnaletica orizzontale.
Al confine con Usmate poi, sacchi di rifiuti iniziano a fare la loro comparsa a margine della carreggiata, tra cartelli stradali arrugginiti o in alcuni casi coperti dalla vegetazione.

Viale delle Rimembranze, Usmate Velate

Anche in questo caso ad allarmare è l'assenza di illuminazione e di un passaggio pedonale capace di garantire un pò di sicurezza in più a chi decide di percorrere quell'arteria in motorino o bicicletta.

Immagine del traffico mattutino a Lomagna, zona Tricudai

Insomma una situazione a dir poco desolante dal punto di vista strutturale, che peggiora ulteriormente se si considera l'elevata percorrenza che la caratterizza, dal momento che un tratto dell'arteria si configura come unico collegamento allo svincolo della tangenziale Est, per il casatese e parte del meratese.
G.C.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco