Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 219.859.870
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/02/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 66 µg/mc
Valmadrera: 51 µg/mc
Colico: 67 µg/mc
Moggio: 98 µg/mc
Scritto Martedì 08 febbraio 2011 alle 18:36

Annone B.: nel Pgt una 'mediazione' tra le esigenze edificatorie e il consumo di suolo

Un piano di governo del territorio equilibrato, volto a contenere il consumo di suolo grazie alla limitazione dei nuovi insediamenti, è stato presentato nella serata di ieri dall'amministrazione comunale di Annone Brianza.
Ad illustrare i principi chiavi del nuovo documento urbanistico sono stati il sindaco Carlo Colombo, l'architetto incaricato Luca Sarra e l'assessore all'edilizia pubblica Tiziano Corti, davanti ad un'affollata sala consiliare.

Da sinistra a destra l'architetto Luca Sarra, il sindaco Carlo Colombo e l'assessore all'edilizia Tiziano Corti

"Per sua natura il PGT deve essere steso con la collaborazione della cittadinanza, attraverso un processo di partecipazione dove gli amministratori possano recepire le proposte e i suggerimenti avanzati dai residenti - ha esordito il sindaco Colombo - delle 54 proposte giunte sino ad oggi, tuttavia, poche hanno colto il vero spirito del documento urbanistico, limitandosi a chiedere l'edificabilità per terreni ad oggi agricoli.
Il nostro intento è invece quello di spingere nella direzione degli interessi della collettività, in un'ottica di valorizzazione degli spazi pubblici dove i cittadini possano contribuire attivamente alla causa.
Ad ogni modo contiamo di completare tutte le fasi del lavoro entro il 2011, in modo da rientrare nelle scadenze previste per la fine del 2012".




L'incontro è stato quindi aperto da una sintesi dell'andamento demografico di Annone nell'ultimo ventennio, caratterizzato da un vistoso incremento del 25% dal 2000 ad oggi e da un +50% dall'inizio degli anni '90.
"Stando ai dati del PTCP provinciale, nei prossimi 5 anni sul nostro territorio sarà possibile realizzare 31.077 metri cubi di volumetria residenziale, pari a 206 abitanti teorici insediabili - ha successivamente spiegato l'architetto Sarra all'assemblea - ciò significa che dai 2300 abitanti attuali si passerebbe a circa 2500, ma parliamo sempre di dati teorici stabiliti dalla Provincia. Si tratta oltretutto di dati abbastanza incoerenti, calcolati su carte 1:25000 e come tali approssimativi. Il nostro scopo è scendere a 1:2000 per poter entrare più nel dettaglio con la stesura del PGT, tenendo presenti le linee guida contenute nel PTCP provinciale".



Sempre secondo i dati provinciali, nel prossimo quinquennio sul suolo di Annone sarà possibile aumentare la superficie urbanizzata di 25.300 mq, con una riduzione delle aree rurali pari a 37.613 mq.
"I dati effettivi che troveranno applicazione nel nostro PGT si avranno solo con la seconda fase, quella relativa al Piano dei Servizi - ha commentato il vicesindaco Tiziano Corti - un documento destinato a riassumere le esigenze della cittadinanza sul proprio territorio, con l'individuazione e la gestione degli spazi collettivi. A nostro avviso gli interventi edificatori andranno limitati il più possibile, prestando sempre e comunque un occhio di riguardo alla classe energetica degli edifici che dovrà risultare almeno in categoria B. Si dovrà inoltre contenere la riduzione del suolo agricolo e rurale, attraverso uno sviluppo moderato capace di andare incontro alle esigenze della popolazione senza tuttavia consumare eccessivamente il territorio".
A tale scopo, nelle prossime settimane l'amministrazione avvierà un'indagine tra la popolazione residente per saggiare la domanda di espansione residenziale, con particolare riferimento alle giovani coppie intenzionate a stabilirsi in paese.
"Il nostro compito è quello di far coesistere due istanze: conservare il territorio esattamente come si presenta oggi e andare incontro alle richieste dei suoi abitanti - ha puntualizzato il primo cittadino - edificare, anche in edilizia convenzionata per andare incontro alle esigenze delle giovani coppie e tenerle all'interno del nostro Comune, è una possibilità che andrà opportunamente valutata.



Non si vuole, per questo, andare ad intaccare il territorio rimasto specialmente dopo la grande impennata edilizia degli ultimi decenni. Dovremo semplicemente mediare le esigenze degli annonesi con la realtà del nostro territorio, sottoposta peraltro a vincolo paesaggistico, cominciando ad esempio dal recupero dei vecchi nuclei esistenti e dal recupero dei sottotetti esistenti, concedendo premi volumetrici per gli edifici a basso consumo energetico".

Per il prossimo 4 marzo è prevista la prima conferenza di Valutazione Ambientale Strategica, mentre nei prossimi mesi saranno convocate altre assemblee pubbliche per discutere nel dettaglio con la popolazione gli elementi fondanti del nuovo Piano di Governo del Territorio.
R.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco