Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 238.951.808
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 08 febbraio 2011 alle 19:08

Monte Barro: incendio al Terzo Corno, sul posto Forestale e la P.L. Forse c'è il ''dolo''

Paura nel primo pomeriggio di oggi per un incendio divampato sul Terzo Corno del Monte Barro, a Galbiate.
Intorno alle ore 14, una cortina di fumo di colore scuro ha destato l'arme in molti cittadini dell'oggionese, che temendo il peggio, hanno allertato i vigili del fuoco. Questi ultimi a loro volta hanno segnalato l'episodio al Corpo Forestale dello Stato, competente per i roghi che interessano boschi e parchi naturali come nel caso del Monte Barro.



I soccorritori si sono portati in pochi minuti sul luogo dell'incendio. A causa della difficoltà nel raggiungere la vetta interessata dal rogo, le operazioni di spegnimento delle fiamme si sono protratte per diverse ore, sino a quando sulla zona è sorvolato un elicottero della Forestale.

VIDEO



L'utilizzo del mezzo ha consentito di domare il rogo, grazie soprattutto alla spola effettuata tra il Monte Barro e il vicino lago di Annone, dal quale l'elicottero si è rifornito di acqua. Tuttavia l'incendio è stato spento solo dopo le 17, a causa delle asperità del terreno tipiche dei corni del Monte Barro, che hanno notevolmente rallentato le operazioni.



Sul posto, come dicevamo, sono intervenuti 13 soccorritori della Forestale con le sue squadre antincendio e la Protezione Civile. Presente anche la polizia locale, guidata dal comandante Danilo Bolis che ora attende il responso dei tecnici intervenuti per risalire alle cause del rogo.
Purtroppo al momento l'ipotesi più accreditata sembra essere quella dell'evento doloso, anche se nulla è ancora certo.
Davide Colombini
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco