Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 219.860.091
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/02/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 66 µg/mc
Valmadrera: 51 µg/mc
Colico: 67 µg/mc
Moggio: 98 µg/mc
Scritto Mercoledì 09 febbraio 2011 alle 08:50

Cassago: pellegrini da Padova in arrivo alla S.Agostino

Sabato 19 febbraio in mattinata arriverà a Cassago una comunità di pellegrini provenienti dalla parrocchia di S. Agostino di Padova. Questa chiesa fu fondata dai monaci agostiniani nel Trecento ed è tuttora attiva. In questa chiesa è conservato uno splendido ciclo della vita di sant'Agostino. Del ciclo originario, del 1338, si sono conservate quattro scene: la visione dell'Angelo; il Battesimo e la Vestizione, Monica in preghiera; Agostino ordina vescovi africani. Le scene sono ispirate alla vita del santo e a testi agiografici medioevali leggendari. Gli affreschi di Padova sono quasi contemporanei di quelli di Rabastens e di Fabriano e furono eseguiti dal pittore Guariento di Arpo nel 1338 per il coro della Chiesa degli Eremitani agostiniani di Padova. Questi affreschi si sono salvati nonostante i terribili bombardamenti subiti dalla chiesa nel 1944. Guariento è originario di Padova e appartiene alla generazione che seguì Giotto. Le sue pitture sono state spesso citate ed hanno un'importanza notevole nella iconografia agostiniana, poiché segue uno schema narrativo che ritroveremo a Pavia e Gubbio. La struttura delle scene ricorda le illustrazioni medioevali dei manoscritti. Si possono distinguere 4 episodi cui va aggiunto un Crocifisso con Agostino. Gueriento di Arpo è un pittore veneto documentato a Padova dal 1338 al 1365, anno in cui la signoria di Venezia gli commise il grande affresco del Paradiso (o Incoronazione della Vergine) nella sala del Maggior Consiglio a Palazzo Ducale, terminato tre anni dopo. Morì probabilmente verso il 1370. I pellegrini parteciperanno alla S. Messa verso le 9 e quindi visiteranno il parco e la sede della Associazione.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco