Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 223.677.952
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 14/03/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 65 µg/mc
Valmadrera: 68 µg/mc
Colico: 63 µg/mc
Moggio: 85 µg/mc
Scritto Martedì 01 marzo 2011 alle 14:36

Nibionno: approvato il Pgt, ma la Provincia chiede di stralciare l'area di ''Mazzacavallo''

E' stata una lunga seduta consiliare quella tenutasi lunedì sera a Nibionno, in occasione dell'approvazione definitiva del Pgt, piano di governo del territorio, adottato il 17 settembre scorso. 42 le osservazioni presentate al comune da parte dei cittadini, esposte dall'amministrazione comunale al resto del consiglio, nel quale spiccava l'assenza dei membri del gruppo di minoranza "Nibionno per la libertà''.
Oltre alle osservazioni dei privati, anche diversi enti, tra cui Regione Lombardia, l'Asl, l'Arpa, il Parco regionale Valle Lambro ed il Settore geologico lombardo hanno fatto pervenire all'ufficio tecnico il loro parere rispetto al PGT.

La segretaria Raffaella Volpez e il sindaco Angelo Negri

"La decisione dell'amministrazione è stata quella di non stravolgere l'impianto del Pgt adottato, ma abbiamo comunque voluto dare delle motivazioni concrete a quelle richieste che non potevano essere prese in considerazione" ha così esordito il sindaco di Nibionno, Angelo Negri.
Successivamente l'urbanista, architetto Luigi Confalonieri, ha illustrato una ad una ciascuna osservazione pervenuta all'ufficio tecnico in questi mesi, e le relative controdeduzioni dell'amministrazione comunale.

La maggioranza

Tra le richieste avanzate dagli enti, spicca quella della Provincia di Lecco, che ha optato per lo stralcio dal documento, dell'area industriale in località Mazzacavallo, al confine con Veduggio. L'inserimento di questa edificazione avrebbe condutto alla creazione di un collegamento tra via Manara e via Cadorna, in modo tale da convogliare il traffico pesante verso la periferia del paese. Il progetto del lotto industriale e del relativo tracciato di collegamento è stato però respinto dalla Provincia, che considera quella zona un'area agricola da tutelare, come del resto prevede il PTCP.



Il Parco regionale della Valle Lambro ha invece esposto alcune critiche relative all'inserimento nel Pgt, di alcune attività produttive non compatibili, a suo avviso, con il territorio.
Il primo cittadino ha poi ribadito che le osservazioni presentate dagli enti devono essere necessariamente rispettate ed inserite nel Piano di Governo del Territorio.

I consiglieri Nadia Lavelli e Giuseppina D'Ulisse

Per quanto riguarda invece le osservazioni avanzate dai privati, esse hanno principalmente richiamato l'attenzione su diversi aspetti del Pgt, e solo alcune sono state accolte o parzialmente accolte. Quelle respinte riguardavano sostanzialmente la richiesta di ampliamento di terreni edificabili in zone boschive o comunque considerate strategiche da un punto di vista agricolo da parte dell'amministrazione comunale e della Provincia.
E' stata invece accolta positivamente la richiesta di poter alzare la soglia di un capannone in località Gaggio, dove vi sarà inoltre un nuovo inserimento produttivo nel settore alimentare. "Abbiamo accolto l'osservazione perchè non verrà consumato altro suolo, e perchè incentiverà l'attività produttiva nel nostro paese" ha spiegato il sindaco.



Al termine della seduta, il consigliere Lavelli ha ribadito il voto contrario all'approvazione definitiva del Pgt: "Sono d'accordo sulle modifiche approvate questa sera, ma nulla è stato fatto per modificare le criticità che avevo esposto a settembre" ha affermato.
Come si ricorderà, la Lavelli si era dimessa dal gruppo di maggioranza proprio in occasione dell'adozione del Pgt, formando insieme al consigliere Giusy D'Ulisse un nuovo gruppo consiliare, L'Alternativa per Nibionno.
Il Pgt è stato quindi approvato con il voto favorevole della maggioranza.
Simona Alagia
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco