Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 220.086.176
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/02/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 66 µg/mc
Valmadrera: 51 µg/mc
Colico: 67 µg/mc
Moggio: 98 µg/mc
Scritto Venerdì 11 marzo 2011 alle 22:49

Trasporto su gomma: da Franca Colombo e colleghi sindaci del casatese la richiesta di un incontro alla 'Provincia'

Franca Colombo
Sindaco di Barzanò
Continua a far discutere la scelta operata dalla Provincia di Lecco volta a "tagliare" le corse festive del trasporto pubblico interprovinciale.
Una decisione che sembra gravare soprattutto sui comuni casatesi, sprovvisti di linee ferroviarie e quindi più legati di altri ai servizi su gomma, che si vedranno depennare dagli orari le corse festive e domenicali.
Una scelta sofferta, necessaria per far "quadrare" i bilanci e per contenere i costi del servizio, che entrerà in vigore con il nuovo orario ''modificato'' a partire dal prossimo 14 marzo nonostante le perplessità mostrate in questi giorni da alcuni sindaci del circondario, primo fra tutti Antonio Colombo di Casatenovo che ha invitato il collega di Sirtori, Davide Maggioni, a convocare una Conferenza dei Sindaci urgente alla presenza dell'assessore provinciale De Poi.
Nel frattempo Franca Colombo, sindaco di Barzanò, ha confermato la volontà di convocare per le prossime settimane un incontro in Provincia per discutere della problematica.
"Settimana prossima formalizzerò la richiesta di un incontro - ha spiegato il sindaco - fermo restando la necessità di dover contenere i costi del servizio, si è preferito tagliare sulle corse festive per non gravare sul trasporto dei pendolari nei giorni lavorativi, lasciando inoltre attivo il servizio nelle zone turistiche della Provincia. Una scelta che sicuramente penalizza fra gli altri i comuni del casatese, in particolare difficoltà vista anche la mancanza di collegamenti con le stazioni ferroviarie. Per tale ragione ci stiamo documentando sui dati di utilizzo delle autolinee, allo scopo di fare una riflessione su soluzioni alternative. Esaminati i dati avvieremo un ragionamento per divenire a una soluzione definitiva".
Tra le diverse possibilità al vaglio figurerebbe l'ipotesi di "spostare" alcune corse feriali poco utilizzate dagli utenti (in orari ad esempio feriali o in "punti morti" della giornata) alle giornate festive e domenicali, garantendo così una pur modesta copertura del servizio di trasporto.
"Abbattere i costi del trasporto pubblico è divenuta una necessità, in commissione valuteremo le principali criticità dei nuovi orari e alla luce delle analisi dei dati troveremo le soluzioni del caso" ha concluso il sindaco Franca Colombo.
Oltre a Casatenovo e Barzanò, anche Missaglia ha manifestato perplessità rispetto ai tagli del servizio su gomma festivo. Secondo l'assessore Marta Casiraghi, il problema sta a monte ed è legato ad una scarsa connessione del trasporto pubblico tra le varie province. ''Ormai si tende ad incentivare il servizio scolastico ai danni del resto dell'utenza per la quale risulta quasi impossibile spostarsi verso le maggiori città lombarde sfruttando i trasporti ferroviari e su gomma. Del resto la situazione ha subito un peggioramento da quando la competenza del settore è passata dalla Regione alle province, che tendono a garantire solo i livelli essenziali del servizio''.
Articoli correlati:
08.03.2011 - Colombo sui ''tagli'' al trasporto pubblico. ''Dal 14 il casatese isolato nei giorni festivi''
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco