Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 239.132.833
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 14 marzo 2011 alle 14:19

Bosisio: una quercia rossa per monumento celebrativo dei 150 anni dell’unità d’Italia

Il sindaco Borgonovo
Grandi festeggiamenti a Bosisio Parini per il 150esimo anniversario dell'unità d'Italia. L'amministrazione comunale ha infatti deciso di dare ampio lustro e rilevanza a questa importante ricorrenza organizzando un calendario davvero fitto di eventi. I festeggiamenti erano già cominciati lo scorso 22 gennaio con la cerimonia di inaugurazione delle celebrazioni, giorno in cui il comune era stato "vestito a festa", rivestendo tutte le colonne del loggiato interno del parco municipale dei colori del tricolore, che rimarranno visibili tutto l'anno a ricordare l'importante anniversario. E per il prossimo 17 marzo, festa nazionale, gli appuntamenti di certo non mancano.
I festeggiamenti si apriranno mercoledì mattina presso il polo scolastico, dove, nel prato vicino all'ingresso della biblioteca verrà inaugurato il "monumento celebratico del 150esimo". " Si tratta di un monumento che potremmo definire eco-compatibile" ha spiegato il sindaco Giuseppe Borgonovo "vale a dire una quercia rossa. Abbiamo pensato a lungo a come realizzare un'opera per ricordare questo importante traguardo, e poi ci siamo accorti che sarebbe stato bello mettere a dimora un monumento ‘vivo'. L'albero a seconda delle stagioni passa dal verde al rosso, con il giallino delle foglie nel passaggio tra i due colori e ci sembrava perfetto per ricordare il tricolore. E poi la quercia rossa è una pianta americana, quindi perfetta per ricordare un ‘eroe dei due mondi' e tutti coloro, in particolare il nostro Luigi Rota, che l'hanno seguito".
Al termine della cerimonia è inoltre prevista una piccola sorpresa... ma per ora niente anticipazioni.
I festeggiamenti proseguiranno quindi giovedì 17 marzo con la celebrazione della santa messa alle ore 15.00 presso il cimitero, alla presenza dei due parroci delle due parrocchie di Bosisio e Garbagnate Rota. La cerimonia ufficiale si terrà quindi in serata, presso il centro studi Giuseppe Parini: dopo l'inno d'Italia e i saluti del sindaco, la commemorazione proseguirà con l'esposizione delle foto storiche di Bosisio dalla collezione privata del famoso fotografo cittadino Franco Corti per concludersi con la consegna dell'attestato di riconoscenza a tutti gli amministratori (o ai loro discendenti) a partire dal 1946 fino ad oggi.
M.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco