Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 219.633.370
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/02/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 66 µg/mc
Valmadrera: 51 µg/mc
Colico: 67 µg/mc
Moggio: 98 µg/mc
Scritto Venerdì 18 marzo 2011 alle 17:35

Avis: 3161 donazioni dei 17 gruppi casatesi e besanesi nel '10. La sezione festeggia il 60°

Martedì 15 marzo presso la sala giunta del comune di Besana, è stata presentata alla stampa la 3° Assemblea provinciale Avis Monza e Brianza, che si terrà a Besana Brianza sabato 26 marzo.
All'incontro erano presenti Roberto Saini, presidente di Avis provinciale, Angelo Sala, presidente Avis Besana e il professor Carlo Ratti, assessore alla Cultura di Besana.
L'occasione è servita per presentare in anteprima i risultati relativi all'andamento soci/raccolta per l'anno appena passato. Il 2010 ha rappresentato un nuovo anno di crescita per Avis provinciale Monza e Brianza. Continuando il trend positivo inaugurato nel 2009, la nostra provincia si conferma come uno dei territori più generosi di tutta la nazione, che da sola raccoglie più di quanto facciano una decina di regioni italiane e circa il 10% del totale della Lombardia, la regione più "rossa" del paese (dati 2009).
La Brianza vicina a chi soffre ha saputo aumentare ulteriormente il numero dei donatori (passati da 22.710 a 23.273) e delle donazioni effettuate (da 47.594 a 48.448). Due segni "+" sono la prova che la scelta fatta due anni fa, all'indomani della nascita ufficiale della nuova provincia, di costituire l'Avis di Monza e Brianza ha portato un nuovo slancio tra i donatori di sangue. Tradotto in numeri, dal 4 aprile 2009, data di fondazione di Avis MB, le donazioni sono aumentate di 1.703 unità e i donatori di 997. Cifre importanti per un'associazione che vanta 38 sezioni e che grazie ai gruppi sovra comunali arriva a essere presente in 50 comuni dei 55 che costituiscono la provincia di Monza e Brianza. Un risultato che lascia più che soddisfatto il presidente provinciale Roberto Saini e che lo sprona a continuare sulla strada intrapresa.

Rappresentanti dell'Avis di Monza. Seduti da destra il presidente della sezione
di Besana, Angelo Sala, il presidente provinciale Roberto Saini e l'assessore Carlo Ratti

Numeri 2010

- Donazioni effettuate: 48.448 (+854) di cui
· 35.030 presso le aziende ospedaliere della Brianza e di Milano (20.240 al solo San Gerardo di Monza)
· 13.418 presso il Centro Vittorio Formentano di Limbiate e le 8 unità di raccolta gestite direttamente dalla provincia

- Donazioni al Formentano: 7.421 (+128) di cui
· 5.327 di plasmaferesi
· 2.094 di sangue intero
Nel totale, l'apporto dei donatori brianzoli al bilancio del Formentano è del 56,8% contro il 35,4% di Milano, in calo di oltre un punto percentuale .

- Donazioni presso le Unità di raccolta (Barlassina, Bernareggio, Besana, Giussano, Lazzate, Lentate, Meda, Seveso): 5.997 (+183)

Soci donatori attivi nel 2010: 23.373 (+563), cui vanno aggiunti 532 soci non donatori, di cui
· 15.714 uomini (66%) e 8.091 donne (34%)

"Top ten" Avis per numero soci:

· Monza: 4.110
· Vimercate: 2.400
· Brugherio: 1.830
· Besana Brianza: 1.571
· Desio: 1.273
· Meda: 855
· Carate Brianza: 815
· Albiate: 785
· Seregno: 759
· Muggiò: 700

Analizzando i tanti numeri presenti nel bilancio finale 2010, il presidente Saini ha sottolineato come sia costante e su più fronti l'aumento del numero delle donazioni: cresce l'apporto alle strutture ospedaliere, quello al Centro Formentano e il contributo delle Unità di raccolta. Per queste ultime, poi, sono stati adottati nuovi metodi per la chiamata del donatore come l'sms, strumento che sta dando ottimi risultati.

Roberto Saini, presidente Avis provinciale Monza

A fronte di questi numeri, la provincia di Monza e Brianza può vantare, almeno sulla carta, l'autosufficienza nel fabbisogno di sangue. "Sulla carta" perché, come ha spiegato il presidente Saini, "ogni anno Monza deve comprare da Lecco 2.500 sacche di sangue. Questo è dovuto al fatto che, nonostante la nuova provincia, a livello regionale non è stato ancora rivisto il Piano sangue e non sono stati riorganizzati i DMTE (Dipartimenti di medicina trasfusionale e di ematologia) per cui si verifica che parte del sangue raccolto in Brianza finisce a Milano, obbligandoci a importarne da Lecco".

Tra le altre attività del 2010, da ricordare i momenti di formazione per i dirigenti Avis, l'impegno al fianco di Admo Lombardia, la creazione di un Gruppo Giovani. Per quest'anno è allo studio la creazione di un'equipe specializzata per incontrare le scuole sul tema della solidarietà.

La scelta di Besana Brianza come sede della prossima Assemblea provinciale è stata fatta per rendere omaggio ai 60 anni di una delle sezioni Avis più floride della Brianza, una gruppo sovra comunale di 17 paesi (Besana Brianza, Barzago, Barzanò, Calò, Capriano, Casatenovo, Cassago, Correzzana, Cortenova, Cremella, Montesiro, Monticello Brianza, Renate, Sirtori, Veduggio Vergo Zoccorino, Viganò, Villa Raverio) che conta 1.571 donatori per un totale di 3.161 effettuate nel 2010. "Dopo Seregno, quest'anno siamo a Besana. Cambiare ogni anno la sede della nostra assemblea risponde alla volontà di Avis provinciale di essere vicino al territorio e alle realtà locali" ha spiegato il presidente Saini.

Il presidente di Avis Besana, Angelo Sala, ha illustrato il programma per il 60° anniversario: "i festeggiamenti ufficiali saranno domenica 5 giugno anche se i documenti ufficiali riportano come data di fondazione il 6 gennaio. Stiamo ancora lavorando ai dettagli del programma, sicuramente ci sarà una grande parata per le strade del centro, la Santa Messa e un momento di festa. Sarà l'occasione anche per utilizzare il logo dell'anniversario vincitore del concorso che abbiamo fatto tra le scuole superiori e che ha avuto un notevole successo di partecipazione".


In conclusione, l'assessore alla Cultura del Comune di Besana, il professor Carlo Ratti, ha avuto parole di elogio per l'operato di Avis. "E' molto bello vedere che una realtà provinciale si decentra e viene a Besana. Grazie al nuovo ente c'è un importante cambiamento nel senso di vicinanza locale. Mi voglio complimentare con Avis per due aspetti che io ritengo molto importanti: l'interesse verso i giovani, importante per la continuità associativa e per la diffusione del valore della solidarietà; l'attenzione data alle scuole, tema a me sempre caro".

L'Assemblea provinciale di Avis Monza e Brianza è in programma sabato 26 marzo a Besana Brianza, presso la Residenza "San Camillo", via Visconta 1 (di fronte alla caserma dei Carabinieri). Inizio assemblea alle ore 14,30 con la presenza di un centinaio di delegati comunali.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco