Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 219.907.746
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/02/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 66 µg/mc
Valmadrera: 51 µg/mc
Colico: 67 µg/mc
Moggio: 98 µg/mc
Scritto Venerdì 18 marzo 2011 alle 18:31

Casatenovo: troppo cemento nelle frazioni, nasce un comitato e petizione con proposte

Si riunirà mercoledì 23 marzo il neonato comitato cittadini di Galgiana, Cassina de' Bracchi e Rogoredo. Obiettivo del gruppo è quello di mettere in campo proposte da inoltrare all'amministrazione comunale Colombo rispetto alle problematiche ambientali e non, avvertite nelle tre frazioni. ''Siamo un gruppo di semplici cittadini (non tecnici ed esperti di urbanistica), che di fronte al continuo aumento di costruzioni civili e industriali vogliono sollevare una discussione sul futuro del nostro territorio''.
A far scaturire l'azione dei casatesi, sono state le recenti costruzioni che hanno interessato la zona artigianale di Via San Biagio-Via degli Artigiani, colpita da una forte urbanizzazione a cavallo tra gli abitati di Galgiana, Rogoredo e Cassina de' Bracchi.
Un'edificazione a dir la verità non nuova, ma che ha mostrato i suoi effetti nelle ultime settimane, quando gli scheletri di alcuni capannoni hanno fatto capolino in una zona sino a qualche anno fa completamente votata all'agricoltura.

Un'immagine dei nuovi capannoni sorti tra Galgiana, Rogoredo e Cassina de' Bracchi

La proposta di formare un comitato per discutere le problematiche avvertite dai residenti delle frazioni casatesi, è nata in Vincenzo Campanella, attivo ambientalista, che in pochi giorni ha raccolto l'adesione di una decina di concittadini.
''Sarà l'occasione per discutere della tematica - ci ha spiegato Campanella - e cercare di elaborare proposte da inviare all'amministrazione comunale. Purtroppo per quel che riguarda l'area industriale di Via San Biagio, non si può tornare indietro. Noi cittadini abbiamo però il diritto e il dovere di formulare proposte per cercare di migliorare il grado di vivibilità delle frazioni che negli ultimi anni sono state a mio avviso dimenticate. Mentre grande attenzione è rivolta al centro paese, di opere nuove nelle altre zone del paese non se ne sono viste. E' opportuno un maggiore coinvolgimento di tutta la cittadinanza''.
Allo studio del comitato vi è inoltre una petizione da inviare al comune, nella quale elencare proposte reali.
Ecco di seguito una proposta non ancora definitiva, del documento allo studio del gruppo di cittadini:
Alla cortese attenzione del sindaco di Casatenovo

Alla cortese attenzione dei consiglieri comunali di Casatenovo


I sottoscritti cittadini chiedono che sia discusso un intervento complessivo, anche in previsione del nuovo PGT, rispetto ai problemi delle frazioni di Galgiana, Cassina dè Bracchi e Rogoredo.
In particolare i problemi derivanti dalla forte urbanizzazione, civile e industriale, a cavallo tra le tre frazioni.
Tali insediamenti hanno creato e creeranno problemi di traffico e qualità della vita.

PERTANTO CHIEDIAMO:
 
·    INTERVENTI DI RINATURALIZZAZIONE DELLE  AREE NON VINCOLATE A INTERVENTI EDILIZI
·    IL RIMBOSCHIMENTO ED INTERVENTI DI SALVAGUARDIA DEL PAESAGGIO (in particolare in prossimità dei capannoni industriali)
·    UN PIANO SULL'INQUINAMENTO ACUSTICO, DATA LA VICINANZA DEGLI INSEDIAMENTI INDUSTRIALI ALLE ABITAZIONI
·    UN PIANO COMPLESSIVO SULLA CIRCOLAZIONE, TENENDO CONTO ANCHE DELLA FUTURA PEDEMONTANA
·    IL COMPLETAMENTO E LA RIQUALIFICAZIONE DELL'ANELLO CICLOPEDONALE
·    L'ISTITUZIONE DI UN PARCO CHE FUNGA DA COLLEGAMENTO, TRA PARCO DEL CURONE E PARCO DELLA VALLE DEL LAMBRO, SALVAGUARDANDO VALLE DELLA NAVA E PIANA DI ROGOREDO
·    LA POSSIBILITA' DI DECENTRARE QUALCHE FUNZIONE COMUNALE NELLE FRAZIONI
·    UN COLLEGAMENTO CICLOPEDONALE PROTETTO CON IL CENTRO E LA STAZIONE DI CARNATE 
Articoli correlati:
21.02.2011 - Casatenovo: in consiglio un vivace confronto sui tre Piani di lottizzazione industriale di Galgiana, Via S.Francesco e SP51
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco