Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 239.210.547
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 20 marzo 2011 alle 07:11

Greppi: l'Aido in visita all'istituto Greppi per insegnare ai ragazzi l'importanza di donare

Sensibilizzare i giovani studenti rispetto all'importante tema della donazione degli organi. Questo il senso degli incontri che si sono tenuti sabato mattina presso l'aula magna dell'istituto superiore Greppi di Monticello.

Da sinistra Pino Mazzoleni, il professor Renato Peruffo e Luigi Pellizzari

Il presidente del gruppo Aido di Casatenovo-Missaglia-Monticello, Luigi Pellizzari, ed il responsabile Aido della commissione scuola della Provincia di Lecco, Pino Mazzoleni, si sono presentati alle classi terze dell'istituto cercando di trasmettere il concetto dell'importanza delle donazioni e dei trapianti di organi e tessuti.

"E' un tema fondamentale, perchè si tratta di salvare la vita delle persone" ha esordito Pellizzari "Siamo qui oggi perchè non si può aspettare domani: dobbiamo pensare e riflettere bene sul valore dell'essere donatori". "E' importante informare le persone su questa realtà" ha poi aggiunto Mazzoleni "Oggi circa 10.000 persone in Italia sono in attesa di trapianto, e di queste il 30% non arriverà a ricevere gli organi perchè morirà prima". Il responsabile delle scuole ha poi ricordato l'importanza dell'associazione, nata a Bergamo nel 1971 ed attualmente attiva a livello nazionale, per un totale di 1.200.000 iscritti. Nella zona di Lecco, il sodalizio è presente nei 90 paesi con gruppi comunali, e si contano 21mila potenziali donatori. "Purtoppo non ci sono molti giovani che ci seguono" ha poi affermato Mazzoleni.

Un'iniziativa che rispetto agli scorsi anni non ha coinvolto studenti di quinta ma ragazzi minorenni, proprio perchè l'obiettivo era quello di far conoscere anche ai più giovani il valore della donazione come gesto di solidarietà umana. "E' un argomento che tocca tutti noi - ha spiegato Pellizzari - perchè tutti saranno prima o poi chiamati a dover decidere ed è fondamentale arrivare preparati. Provate ad immaginare cosa vorrebbe dire dover prendere una decisione del genere senza sapere di che cosa si tratta. In quei momenti non c'è tempo da perdere".

Dopo la proiezione di un filmato, la parola è passata agli studenti che hanno potuto così fare domande, esprimere curiosità o perplessità. Una visita, quella del sodalizio al Greppi di Monticello che è ormai divenuta una piacevole costante, grazie anche alla collaborazione tra Aido e il docente di religione dell'istituto, professor Renato Peruffo.
S.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco