Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 284.393.146
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 10 aprile 2011 alle 18:14

Viganò: il ''Parco Nobili'' diventa una grande area a tema per soddisfare le esigenze di famiglie, bambini, anziani e sportivi

A Viganò, nella serata di venerdì 8 aprile, a partire dalle ore 21, è stato presentato ai cittadini il progetto definitivo per l’area denominata Parco Nobili. Tra i relatori della serata, oltre al Sindaco Renato Ghezzi, anche Marco Vitullo, membro dell’Ufficio Tecnico Comunale ed autore del progetto definitivo, Luca Rigamonti, Consigliere di maggioranza e Micaela Terzi, Emanuela Donetti e Michele Roda, i tre responsabili che si sono occupati del progetto preliminare e del lavoro di condivisione.

I curatori del progetto preliminare


“L’idea proposta” ha esordito il primo cittadino “era quella di creare un parco vissuto in primo luogo dai cittadini e di non limitarci a chiamare architetti internazionali, troppo lontani dalla nostra realtà. I viganesi hanno, anzi, potuto esprimere idee fantasiose, avanzare proposte disparate e condividere sogni e desideri. La gran parte di tutto ciò si è concretizzato nel progetto preliminare, il quale è a sua volta davvero ben poco differente da quello definitivo”.


Di grande rilevanza è stato il lavoro svolto nei mesi scorsi dall’Amministrazione e dal Comune, in collaborazione non solo con i cittadini disponibili e volenterosi, ma anche con la Scuola Materna e quella Elementare, le due realtà educative di Viganò. Il progetto definitivo prevede la creazione di diverse aree a tema, dedicate alle esigenze di cittadini diversi per età ed interesse: dalla zona ombreggiata, con giochi studiati per i piccolissimi all’area per i più anziani, con tavoli per giocare a carte e scacchiere, passando per il percorso vita, con attrezzature utili per lo stretching e la salute del corpo. Inclusi nello stesso progetto definitivo, inoltre, sono anche molte novità: dalla pista per la corsa e le biciclette lunga 250 metri alla chiusura elettrica dei cancelletti tarati ad ore precise; dalla recinzione che separa le due proprietà ai servizi igienici; dalla palestra di roccia alta 3 metri allo spazio polivalente per feste e momenti di intrattenimento; dalle bacheche informative alle macchinette di distribuzione dell’acqua; dalla vasca di raccolta dell’acqua per evitare sprechi all’utile sistema di videosorveglianza. Ricordiamo che l’iter del progetto denominato Parco Nobili ha preso il via il 29 aprile 2008 con l’acquisizione dell’area (che ha estensione effettiva di 5.880 metri quadri) da parte del comune. Come ha ricordato il Sindaco Ghezzi, tale investimento è costato alle casse di Viganò circa 125.000 Euro, pagati alla Fondazione Nobili Ronzoni.

Marco Vitullo con Luca Rigamonti


 In seguito, dopo l’esame da parte della Commissione Paesaggistica Comunale, il progetto è stato inviato agli uffici della Sovrintendenza ai Beni Paesaggistici di Milano, che ha dato nel gennaio 2011 parere positivo. Il 4 marzo di quest’anno, infine, c’è stata l’approvazione favorevole dalla Giunta Comunale, che sta, appunto, per avviare la procedura di bando di gara. I lavori dovrebbero partire entro maggio 2011, con una tempistica di realizzazione limitata a 200 giorni: per l’inverno, insomma, dovrebbe essere tutto pronto.


“Quella pagata alla Fondazione Nobili Ronzoni” ha spiegato il primo cittadino “è certamente una cifra significativa. Tuttavia, essa risulta ben inferiore al valore realizzabile in caso di trasformazione dell’area da standard ad edificabile, che avrebbe fatto salire il valore della zona verde oltre i 200.000 Euro. Il progetto, nel suo complesso, ha un valore stimato di 412.000 Euro, che salirebbero a circa 500.000 tenendo conto di IVA, impianti di sicurezza ed imprevisti. Dal momento che nelle casse comunali, tra fondi già presenti e denaro accumulato negli ultimi anni, sono già presenti oltre 350.000 Euro, il Comune di Viganò ha avanzato alla Cassa Depositi e Prestiti una richiesta di mutuo per 150.000 Euro”.
A.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco