Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 284.086.653
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 20 aprile 2011 alle 17:13

Viganò: al via gli interventi urgenti sulla roggia Fiume, in attesa dei lavori definitivi

Sono stati definiti “ad alta priorità” gli interventi di salvaguardia dal rischio idrogeologico alla Roggia detta Fiume, il torrente che da Sirtori attraversa il territorio comunale di Viganò prima di confluire nella Lavandaia di Missaglia.
A seguito dei danni riportati dal corso d’acqua all’interno del tratto viganese, risalenti all’episodio alluvionale del 14 agosto 2010, l’amministrazione Ghezzi aveva approntato sul finire del 2010 uno studio volto a prevenire il rischio idrogeologico legato allo stato dell’alveo, compromesso a ridosso di alcune abitazioni al confine con Missaglia dagli eventi atmosferici sfavorevoli dell’estate 2010.


Dopo aver dato incarico, in data 19 gennaio, al geologo Massimo Riva di Lecco di approntare uno studio idrogeologico a carico della roggia, in questi giorni la giunta comunale ha approvato il progetto preliminare per la definizione degli interventi di messa in sicurezza dell’area, consistenti in un’opera di sistemazione dei dissesti spondali e nella regimentazione delle acque.
 

La roggia al confine con Missaglia, in uno dei tratti maggiormente problematici per la presenza delle abitazioni


In particolare gli interventi più urgenti riguarderanno la sistemazione del dissesto idrico a valle del ponte stradale di via della Vittoria, dove l’ansa della roggia costeggia alcuni edifici residenziali e un complesso industriale, seguiti dal consolidamento e dal recupero della “scogliera” naturale del torrente, franata a seguito delle piene della scorsa estate.
 
Tali interventi di somma urgenza peseranno sulle casse del Comune di Viganò per un importo di circa 3.500 euro, in aggiunta ai 9.700 già sborsati per ottenere lo studio idrogeologico della roggia, e saranno propedeutici al più complesso intervento di sistemazione dell’intero tratto idrico.

Alcuni tratti della roggia detta Fiume colpiti dall'alluvione lo scorso agosto


In questo caso il progetto complessivo sarà elaborato sul modello dell’antico corso del torrente, prima che questi venisse incanalato e imbrigliato attraverso percorsi artificiali, eliminando gli ostacoli e i punti critici del corso d’acqua. In aggiunta, ai proprietari di terreni confinanti sarà fatto obbligo di provvedere al taglio e alla manutenzione del verde che si affaccia lungo le sponde, onde evitare che radici e rami vadano a ostruire l’alveo della roggia.
R.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco