Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 327.965.157
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 29 aprile 2011 alle 16:09

Oggiono: polemiche sui Gazebo

Perdonatemi(rivolgendomi ora ai "giovani padani"),è questa la "cultura,identità e tradizione" di cui vi ponete a difesa?
Considerati i fatti,non le chiacchiere,mi unisco a Riccardo Magni nell'esprimere il mio dissenso, relativo alla presenza dei vostri gazebo all'esterno del Istituto Bachelet,nella personale convinzione che non rappresentiate un modello culturale valido a cui ispirarsi.

Ringrazio la redazione. Cordiali saluti

Riccardo Cortesi


 

Egregio sig. Cortesi

Volendo considerare solo i fatti le ricordo che nel lontano 1992, il presidente del comitato per i festeggiamenti del 150 anniversario dell’unita d’Italia on. Amato

Entrò  nei conti correnti di tutti i cittadini per raggranellare un po’  di soldi perché l’Italia era in fallimento. Non c’erano i soldi per pagare pensioni e stipendi. La sesta nazione più industrializzata del mondo era fallita. A quel tempo la Lega non era al governo da nessuna parte. Comandavano coloro che erano l’espressione di un modello culturale valido a cui ispirarsi. Se oggi non c’è più lavoro e con esso la dignità dei lavoratori, se è aumentato il precariato e se sono aumentati gli anni di contribuzione per  raggiungere la pensione diminuita rispetto allo stipendio percepito, non se la prenda con i leghisti razzisti  rozzi e poco acculturati. Si ricordi che di colui che ben acculturato ha raggiunto la pensione dopo quindici anni di contributi, se la gode, si ricordi che i dirigenti delle imprese statali  andate in rovina (nominati da persone acculturate) percepiscono laute pensioni pagate col dilaziona mento degli anni pensionistici  degli operai.

Lasci pertanto che ognuno si esprima liberamente e poi si regoli come vuole.

Distinti saluti
R. C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco