Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.365.811
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 28 maggio 2011 alle 18:13

E’ di Cristoforo Trommino il cadavere ritrovato sulla super 36. Nel 1997 aveva ucciso la moglie Tiziana Riva 32enne di Lomaniga

Cristoforo Trommino
È stato risolto il giallo del cadavere trovato nel tardo pomeriggio di ieri vicino alla Superstrada 36 al confine tra Arosio, Giussano e Briosco. È quello di Cristoforo Trommino, il 48enne che nel 1997 aveva ucciso la moglie Tiziana Riva a Lomaniga di Missaglia, nel Lecchese. Secondo quanto si è potuto stabilire, l'uomo si sarebbe tolto la vita.
Per quel delitto era rimasto in carcere fino al 2006 quando uscì grazie all'indulto. Probabilmente il suicidio è da ricondursi a un senso di colpa acuitosi negli ultimi giorni, in coincidenza con l'anniversario del suo terribile gesto di 14 anni fa.
Il cadavere era stato trovato in territorio comunale di Giussano, nella zona più impervia di una collinetta che si affaccia su via Delle Grigne, non lontano dalla superstrada. L'allarme era stato lanciato ai carabinieri di Giussano da un cercatore di lumache dopo che il suo cane era stato attratto dal forte odore del corpo in avanzato stato di decomposizione. Inizialmente si era pensato a un omicidio: i carabinieri, infatti, non avevano trovato nelle immediate vicinanze la testa dell'uomo, rinvenuta poi appesa alla corda che l'uxoricida ha utilizzato per togliersi la vita impiccandosi a un albero. Una scena decisamente macabra. Il cadavere, recuperato dai vigili del fuoco di Carate Brianza, è ora a disposizione del Sostituto Franca Macchia della Procura di Monza che attende l'esito dell'autopsia svolta in queste ore all'Istituto di medicina legale di Milano.

Alcune immagini di Via Alpi a Lomaniga

Stando ai primi accertamenti il decesso dovrebbe risalire a una decina di giorni fa. Le alte temperature degli ultimi giorni hanno poi favorito il decomporsi del corpo unitamente alla fuoriuscita di sangue dalla ferita al collo procuratasi nell'atto dell'impiccagione e che ha determinato la formazione di una fluorescenza aggredita dai vermi che hanno invaso anche polsi e caviglie.


Alla sua identificazione si è arrivati tramite i documenti trovati nelle tasche degli abiti indossati da Trommino. Subito sono stati avvisati i parenti, alcuni dei quali residenti a Besana Brianza. Cristoforo Trommino aveva ucciso con tre colpi di pistola la moglie 32enne, dalla quale 14 anni prima ebbe un figlio.
Originario della Sicilia nel 2006 ottenne la libertà grazie anche alla buona condotta tenuta durante la detenzione. Operaio di professione e residente a Lomagna, da quando era uscito dal carcere aveva sempre mantenuto un comportamento irreprensibile.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco