Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.375.589
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 04 giugno 2011 alle 15:45

Missaglia: mostra fotografica in baita sugli 'spazzini' brianzoli il 12

I RUEE', i mitici spazzini brianzoli, che all'inizio del '900 percorrevano Milano con i loro caratteristici carrettini per raccogliere l'immondizia, ritornano in una mostra allestita alla Baita Alpina di Missaglia, Domenica 12 giugno 2011.
La mostra è organizzata dall'Associazione Alpini di Missaglia, con il patrocinio del Comune e in collaborazione dell'Associazione Culturale "la Gerla" dell'Amsa di Milano.
Protagonisti indiscussi della raccolta dei rifiuti a Milano dalla fine dell'800 fino ai primi anni del novecento, i Rueè erano personaggi caratteristici che con la scopa, la pala e la gerla in spalla, vuotavano le ruere dei palazzi milanesi, l'angolo del cortile dei caseggiati dove veniva ammucchiata la spazzatura delle famiglie.
I Rueè erano tutti brianzoli soprattutto di Missaglia, ma anche di Maresso, Cascina Bracchi, Cascina Masciocco di Camparada, Valaperta, Casatenovo, Viganò, Usmate, Velate, Arcore ecc...
E' rimasta proverbiale la loro organizzazione: gli uomini partivano con carrettini trainati da asini e cavalli, a tarda sera e arrivavano a Milano alle prime ore del mattino. Raccoglievano l'immondizia dalle case private e ripartivano per il viaggio di ritorno al mattino.
Per poter raccogliere l'immondizia pagavano con uova e polli i proprietari.
Tornavano in Brianza e rovesciavano sull'aia delle cascine i rifiuti milanesi, che venivano selezionati dalle donne nella speranza di scoprire tra i rifiuti oggetti di un certo valore e tutto ciò che potesse essere riutilizzato come materia prima: metalli, carta, stracci, ossa ecc..

Il rimanente del carico, completamente biodegradabile, veniva mischiato con letame e stallatico ed utilizzato come concime nei campi; questo composto veniva chiamato "Derucc".
La mostra ospita anche una retrospettiva fotografica di un altro missagliese: Adriano Casiraghi.
Del poliedrico artista scomparso prematuramente qualche anno fa, vengono esposte le foto che compongono l'unica raccolta del vasto archivio storico dell'Associazione "la Gerla" dell'Amsa di Milano, che fotografano gli spazzini milanesi in uno spazio di "non lavoro" all'interno delle strutture aziendali.
Ad emergere sono gli spazzini che il fotografo ha colto nella loro quotidianeità per creare un racconto carico di umanità.
In baita verrà offerto un rinfresco dagli alpini.

 

 

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco