Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 239.126.479
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 22 luglio 2011 alle 18:36

Dolzago: centro commerciale 'ex Passerini' Respinte le 'richieste viabilistiche' di Sirone

L’ex area Passerini ospiterà un nuovo polo commerciale. A prevederlo è il Piano del Governo del Territorio, approvato ieri sera dal consiglio comunale di Dolzago. Al posto dell’ex azienda metalmeccanica che ha chiuso i battenti due anni fa, sorgerà dunque un nuovo centro, presumibilmente destinato alla media distribuzione.



L'area ex Passerini a Dolzago

Per ora naturalmente si tratta ancora di un’ipotesi, dato che le trattative sono ancora in corso: “Allo stato attuale si è provveduto alla semplice riconversione dell’area, che da industriale è diventata a destinazione commerciale” ha spiegato l’amministrazione dolzaghese “niente di definito quindi, l’individuazione del soggetto interlocutore non è ancora avvenuta e i passi successivi sono ancora in corso di valutazione”.


Il gruppo di maggioranza di Dolzago

Tuttavia, nonostante per ora non vi sia ancora nulla di definito, già sorgono preoccupazioni per un possibile aumento del traffico, soprattutto da parte del limitrofo Comune di Sirone, che teme un ingorgo delle arterie comunali.


Via per Sirone

E proprio il Comune di Sirone ha presentato un’osservazione chiedendo che l’ingresso al nuovo polo venga collocato lungo la SP51 e non lungo via per Sirone: “Vorremmo evitare che il traffico in entrata e uscita graviti sul comune di Sirone passando per il centro abitato” ha spiegato il sindaco Matteo Canali. “La nostra richiesta principale era quella di convogliarlo sulle SP51 e SP52 e non sulle strade comunali, come via per Sirone”.


Una richiesta definita “non accoglibile” dal Comune di Dolzago, intenzionato a collocare l’ingresso su via per Sirone e supportato da un analogo parere di mobilità da parte della Provincia di Lecco, in quanto sulla SP51, a pochi metri dall’area Passerini, è già presente una rotatoria e non sarebbe possibile realizzarne una seconda.


La rotonda in prossimità dell'area sulla SP51

“Ne prendo atto, ma è una decisione che non mi vede d’accordo” ha proseguito Canali “naturalmente spero che il problema non si ponga ma vorrei evitare la congestione del centro paese, soprattutto nelle ore di punta, come già ad esempio avviene ad Oggiono. Il traffico deve gravare sulle arterie principali, fuori dai nuclei abitati e non su quelle secondarie, si tratta di un principio teorico basilare, che va al di là di questa specifica situazione”.


L'incrocio tra via don Brambilla e via Verdi a Sirone

La speranza del Comune di Sirone è quella che si prenda in considerazione almeno l’ipotesi di realizzare una rotatoria che devi il traffico lontano dal centro, verso le SP51 e SP52: “In subordine alla prima richiesta abbiamo proposto la realizzazione di una rotonda, che potrebbe collocarsi anche sul territorio comunale di Sirone, all’incrocio tra via don Brambilla e via Verdi, in modo da indirizzare il traffico verso la tangenzialina esterna al centro abitato”. Richiesta in questo caso definita accoglibile dal Comune di Dolzago: “La collocazione della rotatoria non è ancora stata definita ed è ancora da valutare. Ma senz’altro la viabilità verrà studiata in maniera approfondita in modo da smaltire il traffico in maniera ottimale”.

M.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco