Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 278.786.422
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 01 settembre 2011 alle 11:21

Castello B.: discussione in consiglio sulle nuove cariche della giunta De Capitani

E' stata formalizzata nel corso dell'ultima seduta di consiglio comunale la nuova distribuzione delle deleghe all'interno della giunta di Castello. Una decisione già nota - e che era già stata comunicata subito dopo le dimissioni di Ambrogio Fumagalli dal ruolo di vicesindaco e assessore ai Lavori Pubblici, sostituito per la prima carica dal giovane assessore Mattia Perego e per la seconda dal vicepresidente della Provincia di Lecco Antonello Formenti - ma che non ha mancato di suscitare polemiche.
L'ex vicesindaco Fumagalli ha infatti ribadito che alla base della sua decisione ci sarebbero stati "impegni di lavoro sempre più pressanti" e "decisioni già preventivate da parte del gruppo" e ha riconfermato la sua presenza in consiglio e all'interno del gruppo. A fugare ogni dubbio in merito a presunte crisi di giunta è stato inoltre il sindaco Luigina De Capitani, che ha voluto "ringraziare Ambrogio Fumagalli per l'impegno profuso e per la volontà e caparbietà che hanno consentito il raggiungimento di importanti obiettivi" ribadendo come da tempo ci fosse in programma un turn-over interno alla giunta. Tuttavia la minoranza ha espresso qualche perplessità.


"Quello ai Lavori Pubblici è un assessorato importante, se lo si lascia perché così era stato stabilito e programmato da tutto il gruppo, pare strano secondo noi che lo si lasci vacante per oltre un mese e che non ci sia un immediato sostituto. Questo ha dato adito ad alcune ipotesi" ha dichiarato Monica Bagolin.
A destare ulteriori perplessità è stata inoltre la scelta di Antonello Formenti, che giusto qualche mese fa aveva lasciato il consiglio per candidarsi come sindaco a Olgiate Molgora, per il ruolo di assessore ai Lavori Pubblici: "Il nuovo assessore riveste già alcune cariche impegnative quali il ruolo di vicepresidente della Provincia di Lecco e di consigliere di minoranza a Olgiate Molgora, solo per citarne alcune" ha proseguito la Bagolin. "Si tratta di un assessorato importante e delicato quello ai lavori pubblici, spero riesca a portarlo avanti in maniera adeguata. Forse c'erano persone altrettanto preparate che non avevano già altri incarichi". 

 

 

La maggioranza


"Non sta a me dire se sono bravo o meno ma dopo vent'anni di politica posso andare tranquillo per il paese e anche se per due mesi non sono stato più in consiglio comunale sono passato tutte le settimane in comune" ha ribattuto Formenti. "Ho già chiesto a un componente giovane del gruppo di starmi accanto perché sono convinto che un giovane debba prendere il mio posto. Come dice un detto: chi ha tempo non ha mai tempo, chi non ha tempo ha sempre tempo. E' questione di volontà, spero di non deludere nessuno".
Ma lo scontro tra maggioranza e opposizione ha riguardato anche le indennità di carica degli amministratori. "Mattia Perego, nuovo vicesindaco che ha ottenuto il maggior numero di preferenze ha rinunciato alla propria indennità di carica, una decisione che gli fa onore, contrariamente al capogruppo di minoranza Enea Bonfanti che per partecipare al consiglio comunale si è fatto rimborsare 37 euro di costo del treno, una decisione che noi disapproviamo, alla faccia dei costi della politica. Sarebbe il caso che se non è in grado di presenziare desse le dimissioni per non gravare sulle tasche dei cittadini per ragioni di carattere del tutto personale, meglio lasciare il posto ad altri" ha dichiarato la De Capitani.

 



L'opposizione. Primo a sinistra Enea Bonfanti

Immediata la replica del capogruppo Enea Bonfanti: "Ringrazio l'assessore Fumagalli per l'impegno profuso, sono dispiaciuto che non ricopra più questa carica, si è sempre rivelato una persona con cui era possibile dialogare. Vorrei esprimere i migliori auguri alle due nuove cariche, persone che godono anche della mia stima e non solo di quella del primo cittadino. Ho imparato che la polemica non serve a nulla e sono dispiaciuto delle affermazioni a mio avviso fuori luogo del sindaco. Premetto che si trattava di 33 euro e non di 37, invito il sindaco a informarsi meglio, e che mi farò rimborsare anche l'accesso al consiglio di questa sera in quanto è un'opzione prevista dalla legge e normata dal Testo Unico degli Enti Locali. Inoltre riallacciandomi al criterio delle preferenze, il sottoscritto ha ottenuto il maggior numero di voti all'interno della minoranza ed è secondo per numero di voti in consiglio, credo che la gente che mi ha votato voglia vedermi qui. Giustamente come ha detto il sindaco per ragioni personali non sono più domiciliato a Castello, ma sono lontano con gli occhi e non con il cuore, per fare un'esperienza che non ho esitato a mettere al servizio di questo paese. Mi auguro che questi episodi spiacevoli non avvengano più".

M.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco