• Sei il visitatore n° 344.882.016
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 06 ottobre 2011 alle 18:22

Casatese: il PGT approvato da 7 comuni su 12. Casatenovo, Missaglia, Barzanò, Viganò, Castello devono concludere l'iter

Introdotto dalla legge regionale numero 12 dell'11 marzo 2005, il Piano di governo del territorio rappresenta lo strumento che
La mappa del circondario di Casatenovo
in Lombardia ha sostituito il vecchio piano regolatore, con l'obiettivo di definire l'assetto dell'intero territorio comunale.
Salvo deroghe, inizialmente la legge prevedeva che tutti i comuni lombardi si dotassero di un PGT entro marzo 2009. Ad oggi, a pochi mesi dalla fine del 2011, sono ancora molte le amministrazioni comunali che non si sono ancora dotate di questo strumento urbanistico. Per questo motivo l'ultima deroga concede ancora un anno ai comuni lombardi che dovranno perentoriamente mettersi alla pari entro il 31 dicembre 2012.
Anche nel casatese ci sono amministrazioni comunali che stanno ultimando il procedimento per la stesura del PGT e non sono ancora arrivate al primo step ufficiale, quello dell'adozione da parte del consiglio comunale.
E' il caso dei comuni più grandi: Missaglia, Barzanò e Casatenovo su tutti. Per quanto riguarda il primo caso, l'iter è quasi in dirittura d'arrivo e al termine della seconda conferenza di Vas il PGT potrà giungere sui tavoli del consiglio comunale. Si trova invece in una fase più arretrata Casatenovo che ha deciso di affidare la stesura del PGT al proprio ufficio urbanistica.
Mancano all'appello anche Castello Brianza e Viganò che andrà il 21 ottobre in adozione. A completare il quadro dei comuni casatesi, il ''caso'' di Monticello. Il PGT era stato approvato nel 2009 dalla precedente amministrazione, ma l'attuale giunta del sindaco Rigamonti lo scorso anno ha deciso di effettuare una variante per apportare delle modifiche allo strumento urbanistico.
In generale si può dire che per quanto riguarda quei comuni che hanno approvato il PGT già da qualche tempo, si nota una certa difficoltà nel veder avviati gli interventi previsti, probabilmente a causa del momento economico non facile, soprattutto per il settore edile.

Ecco la situazione comune per comune:


BARZAGO

Il PGT era stato adottato dall'allora sindaco Pozzi e approvato dal successore Tentori a fine 2009.
Proprio in questi giorni è stata avviata la variante al PGT relativa ad un ambito di trasformazione previsto. Contestualmente si è dato avvio anche al piano di recupero dell'ex tessitura Besana, altro intervento contenuto nello strumento urbanistico.

BARZANO'

L'iter per la redazione del piano di governo del territorio è ancora in corso.
Non si è ancora giunti, tanto per essere chiari, alla prima fase di adozione da parte del consiglio comunale.
La precedente amministrazione guidata da Franca Colombo aveva provveduto alla pubblicazione del documento di piano, indicante gli ambiti di trasformazione previsti. Al termine del percorso di valutazione ambientale strategica sarebbe stato portato in adozione il Pgt, comprensivo del piano dei servizi e delle regole. A questo punto però non si è mai arrivati perchè la maggioranza dell'ex sindaco Colombo aveva frenato sull'iter del piano di governo del territorio, in concomitanza con le elezioni.
Attualmente l'amministrazione del sindaco Giancarlo Aldeghi sta lavorando sul Pgt partendo dal documento di piano lasciato dai predecessori. E' in corso anche un attento studio della viabilità, interpellando anche i comuni limitrofi.

BULCIAGO

Il comune di Bulciago è stato uno dei primi in provincia ad approvare lo strumento urbanistico. Il PGT è quindi operativo a tutti gli effetti dal 2007.
Il consiglio comunale ha già avuto modo di dare il via libera a realizzazioni inserite nel piano, come la conversione residenziale dell'area Texil-Motta.

CASATENOVO

Il comune di Casatenovo si trova in una fase ancora preliminare del procedimento.
Nel corso dell'ultimo consiglio comunale è stato approvato il regolamento per consentire la partecipazione dei cittadini al dibattito sul nuovo PGT.
In quell'occasione l'assessore all'urbanistica Filippo Galbiati ha elencato i leit motiv sui quali il comune si ispirerà nella redazione dello strumento urbanistico, strettamente legato alla progettazione del nuovo centro.
L'amministrazione comunale ha deciso di affidare la stesura del piano al proprio ufficio urbanistica, avvalendosi al contempo di alcune consulenze esterne.

CASSAGO

Il PGT di Cassago era stato approvato nel maggio 2009 dall'amministrazione dell'attuale sindaco Fragomeli. L'iter procedurale era stato condotto insieme ai comuni di Cremella, Nibionno e Monticello.
Per quanto riguarda gli ambiti di trasformazione, si riscontra una certa difficoltà nella ''partenza'' soprattutto per quei soggetti che hanno risposto al bando indetto dall'amministrazione comunale al termine dell'approvazione dello strumento.


CASTELLO BRIANZA

Il comune di Castello Brianza non ha ancora proceduto all'adozione del PGT. Come ci ha confermato il sindaco Luigina De Capitani, a novembre sarà indetta la seconda conferenza di Vas e se non ci saranno ostacoli, le settimane successive lo strumento urbanistico potrà essere portato in consiglio comunale per l'adozione.


CREMELLA

L'amministrazione comunale del sindaco Guido Besana ha approvato il piano di governo del territorio nel maggio 2009. La procedura era stata condotta insieme ai comuni di Monticello, Cassago e Nibionno.
Tra l'adozione e l'osservazione del piano erano pervenute ben 220 osservazioni da parte di privati, enti e associazioni, parecchie delle quali riguardavano le criticità viabilistiche di Via Cadorna.
Attualmente nessuno degli ambiti di trasformazione previsti è partito, mentre tre privati nel 2010 avevano presentato ricorso al Tar contestando la validità del PGT che, a loro dire, sarebbe stato approvato in concomitanza delle elezioni amministrative.

MISSAGLIA

A Missaglia l'iter per la stesura del PGT sta andando avanti, ma come nel caso di Barzanò e Casatenovo, non si è ancora arrivati allo step dell'adozione in consiglio comunale.
Entro qualche settimana dovrebbe essere convocata la seconda conferenza di Vas (valutazione ambientale strategica) e se non ci saranno ostacoli, il piano sarà pronto per essere portato in consiglio comunale.

MONTICELLO

A Monticello il PGT era stato adottato e successivamente approvato, nell'aprile 2009 dall'ex amministrazione comunale guidata da Mario Villa. Il procedimento era stato condotto insieme ai comuni di Cassago, Cremella e Nibionno.
Con il cambio di amministrazione, l'attuale sindaco Luca Rigamonti ha deciso nel 2010 di avviare un procedimento di variante allo strumento urbanistico per apportare delle modifiche ad alcuni ambiti di trasformazione a firma dei suoi predecessori. L'iter è al momento ancora in corso e si dovrebbe concludere nei prossimi mesi con la presentazione delle modifiche apportate.

NIBIONNO

Il PGT di Nibionno è stato approvato il 28 febbraio scorso. L'iter procedurale era stato condotto dall'amministrazione comunale in collaborazione con Cassago, Cremella e Monticello.
In sede di adozione dello strumento urbanistico, l'allora assessore all'ecologia Nadia Lavelli si era nettamente ''smarcata'' dall'amministrazione comunale, presentando le sue dimissioni, non essendo d'accordo sui contenuti dello strumento urbanistico.

SIRTORI

Il PGT a Sirtori era stato approvato lo scorso ottobre. Proprio la scorsa settimana la giunta comunale ha dato il via libera ad un intervento relativo ad un ambito di trasformazione contenuto nello strumento urbanistico, per la conversione di un'area dismessa in residenze. In precedenza avevano preso il via i lavori di ampliamento dell'azienda Nuova Stame a Bevera, altro intervento contemplato nello strumento urbanistico.

VIGANO'

L'iter procedurale per la stesura del PGT conoscerà una tappa fondamentale il prossimo 21 ottobre, quando lo strumento urbanistico verrà portato in consiglio comunale per la prima fase prevista, quella dell'adozione.
La giunta Ghezzi ha già annunciato la volontà di ridurre al minimo il consumo di suolo, trattandosi Viganò di uno dei comuni più urbanizzati e con la più alta densità popolativa dell'intera provincia.

G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco