• Sei il visitatore n° 339.363.551
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 21 novembre 2011 alle 16:06

Giornata dell'Albero: a Oggiono, Rogeno e Suello decine di nuovi alberi per i nati del 2010

E' stata festeggiata nella giornata di oggi nei Comuni di tutt'Italia la Giornata nazionale dell'Albero.
Una ricorrenza fortemente voluta dal Ministero dell'Ambiente per sensibilizzare le nuove generazioni circa i temi del rispetto per il verde, della valorizzazione delle specie autoctone e dell'importante ruolo rivestito dalle piante nella prevenzione dei dissesti idrogeologici.
L'edizione 2011 della festa, svoltasi a poche settimane dai tragici fatti di Toscana e Liguria, è stata dedicata in tutti i paesi italiani alla memoria del volontario Sandro Usai, "angelo del fango" vittima dell'alluvione di Monterosso mentre cercava di mettere in salvo i suoi compaesani dall'ondata di piena che ha travolto il paese ligure.
Di seguito le iniziative messe in atto dalle amministrazioni nei Comuni di Oggiono, Rogeno e Suello:

OGGIONO
Nuove essenze arboree alla scuola primaria A.Diaz di Oggiono. In occasione della “Giornata Nazionale dell’Albero” prevista per oggi, l’amministrazione comunale di Oggiono ha deciso di mettere a dimora tre nuove piante nel cortile interno delle scuole elementari, alla presenza degli insegnanti e di tutti gli alunni della scuola.




Come si ricorderà infatti due anni fa l’amministrazione aveva disposto l’abbattimento di otto storici cedri quasi centenari per ragioni di sicurezza: le piante, situate proprio a ridosso del cortile interno, avevano raggiunto dimensioni considerevoli a fronte di un apparato radicale piuttosto esiguo. Concreto secondo gli amministratori il rischio che uno dei grossi cedri a causa delle forti raffiche di vento si abbattesse sul cortile interno, rendendo necessario quindi l’abbattimento.




Ora, proprio in occasione della Giornata dell’Albero l’amministrazione ha deciso di mettere a dimora tre nuove piante. Due i criteri seguiti: la scelta di piante autoctone e un posizionamento differente in modo da garantire il cono visivo dal piazzale delle scuole direttamente sul lago.
“Oggi abbiamo messo a dimora due querce rosse e un faggio tricolore” ha spiegato il sindaco. “Piante che seguono il ciclo delle stagioni e possono quindi essere oggetto di studio e osservazione da parte degli studenti”.


E la “cerimonia” di messa a dimora dei nuovi alberi si è svolta alla presenza di tutti gli alunni delle elementari che hanno colto l’occasione per chiedere chiarimenti sugli alberi e la giornata di oggi.
Presenti il sindaco Roberto Ferrari e l’assessore alla cultura e all’istruzione Giuseppina Gerosa.


“Due anni fa abbiamo dovuto tagliare le piante che erano qui perché erano diventate pericolose” ha spiegato il  primo cittadino agli alunni. “Una decisione che abbiamo preso a malincuore perché anch’io quand’ero bambino come voi ho giocato tra quegli alberi. Ma per ribadire che le piante per noi sono importanti oggi abbiamo deciso di piantare tre nuovi alberi: due querce e un faggio. Voi avete una grande fortuna: sarete i testimoni di questa giornata, quando sarete grandi ricorderete ai vostri figli il giorno in cui queste piante sono state piantate”.





ROGENO
Entusiastica partecipazione del Comune e delle scuole di Rogeno alla Giornata dell’Albero, ricorrenza che a livello nazionale ha coinvolto scolaresche e amministrazioni di tutt’Italia per valorizzare l’importanza delle specie vegetali autoctone e la coscienza ambientale delle giovani generazioni.



foto di gruppo per gli alunni di Rogeno
Fare click sull'immagine per ingrandirla

La piantumazione dei 49 esemplari vegetali forniti dal Corpo Forestale dello Stato ha avuto inizio nella giornata di domenica, presso l’ex area Segalini in via al lago e nell’area mercatoria di via Piave. A procedere alla messa a dimora delle giovani piante sono stati i volontari del gruppo di Protezione Civile Comunale, impegnati anche nella mattinata odierna a supporto dei piccoli alunni della scuola primaria.




A partire dalle 11.30 studenti e insegnanti sono stati accolti sugli spalti della piazza del mercato dal vicesindaco Ambrogio Ratti e dal parroco don Gianni dell’Oro, che hanno introdotto le finalità di questa importante ricorrenza.
“Gli alberi sono i nostri migliori amici e, come tali, dovete sempre volergli del bene – ha esordito Ratti – queste piantine che state per mettere a dimora vi accompagneranno per tutta la vostra vita e anche oltre. Si tratta di Carpini bianchi e Farnie destinate a diventare alti il doppio della palestra che sorge qui accanto che proprio oggi, da piccole pianticelle di pochi centimetri, inizieranno la loro vita. Per questo dovrete portare questa piccola cerimonia nei vostri cuori il più a lungo possibile, ricordandovi in futuro di questo importante gesto che ci accingete a compiere”.




Il numero delle piante, 49, non è stato scelto a caso dall’amministrazione locale. Tanti sono infatti i nuovi nati venuti alla luce a Rogeno nel 2010, uno per ogni nuovo albero, in accordo con una vecchia legge regionale e con le nuove direttive ministeriali che impongono ai Comuni la piantumazione di una specie vegetale per ogni nuovo abitante.
“La Giornata dell'Albero è un’occasione per richiamare l'attenzione di tutti, ma soprattutto dei più giovani, sull'importanza dei boschi e delle foreste, sul loro fondamentale ruolo di polmone verde per la Terra – hanno proseguito gli amministratori - l’iniziativa ha lo scopo di sensibilizzare la popolazione sull’importanza delle specie vegetali autoctone, ossia le piante tipiche e caratteristiche di un territorio, che spesso sono poco conosciute e poco apprezzate dalla popolazione locale”.




Pochi istanti prima di mettere in pratica le operazioni di piantumazione, bambini e autorità hanno rispettato un minuto di silenzio in onore del volontario di Monterosso Sandro Usai, sacrificatosi durante i tragici fatti di Monterosso per salvare la vita ad alcuni suoi concittadini.
In tutt’Italia la Giornata dell’Albero è stata infatti aperta dal ricordo di questo “angelo del fango”, per non dimenticare come a volte siano proprio gli alberi i primi baluardi alla difesa dei dissesti idrogeologici e dei drammi che purtroppo affliggono molte regioni del nostro Paese.



il vicesindaco Ratti e don Gianni insieme ai volontari della Protezione Civile di Rogeno



SUELLO


La ricorrenza è stata anticipata dall’amministrazione suellese nella giornata di sabato 19 novembre.
Per l’occasione presso la scuola primaria di via Turati è stata allestita “Gustalibro”, una mostra – mercato del libro per ragazzi organizzata dalla biblioteca comunale insieme alla Libreria dei ragazzi di Milano.
I bambini hanno così avuto modo di “gustare” i libri esposti, sia durante l’orario scolastico nella giornata di venerdì sia nel più festoso fine settimana di sabato e domenica.




Grande successo soprattutto per il pomeriggio di sabato, animato da un laboratorio a tema e dalla rappresentazione teatrale “Albero Generoso” inscenata da Elisa Brachetti.
Attrice diplomata presso il “Teatro Prova” di Bergamo, Elisa ha inscenato davanti ai giovani il racconto di Shel Silverstein “L’albero”, in tema con la ricorrenza nazionale.



Al termine alunni e genitori si sono spostati nel giardino della scuola in compagnia delle autorità comunali, per la piantumazione di una ventina di alberi in onore dei nati del 2010.
Sindaco e vice hanno così affiancato i papà mettendo a dimora le nuove piante, prima della merenda e della festa conclusiva.

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco