Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.867.104
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 01 gennaio 2012 alle 08:35

Musica/37: I Drain Brain, giovanissimo trio punk rock italiano con tanti progetti futuri

I Drain Brain nascono nel luglio del 2011 dall’idea di Fabio “Fab” Mazzotti, voce e basso, Leonardo Isella, chitarra e voce, Samuele “Sem” Rossi, batterista.
Il nome della band (tradotto letteralmente in “fuga di cervelli”) ha un doppio significato: il primo, più divertente, riguarda un semplice gioco di parole, data la somiglianza dei due termini “drain” e “brain”; il secondo invece, più serio, è una critica, in realtà non troppo velata, verso i tanti problemi della società italiana.


I tre giovani hanno tutti fra i 16 e i 17 anni e risiedono fra Besana e Cassago Brianza. Da sempre amici, hanno iniziato a suonare insieme con il semplice desiderio di fare buona musica e divertirsi, sulle ceneri di un vecchio progetto pop punk.
In particolare, però, il genere si è da subito evoluto in punk rock italiano e il buon feeling tra i membri ha permesso di passare immediatamente alla fase di composizione di alcuni pezzi originali. È il caso di "Caro barista", pezzo che tratta di bevute al bar, tema classico per gruppi di questo genere, "Guardati intorno", "She" e "See you burning", questi ultimi due dedicati ad altrettante ex-fidanzate. Tali pezzi si contraddistinguono per sonorità da alternative rock, che ricordano gruppi come PapaRoach e Breaking Benjamin.



Fabio Mazzotti

Per quanto riguarda le cover proposte, invece, il gruppo spazia in tutto l’universo della musica punk e non solo. Da quello italiano puro di Scacciapensieri, Pornoriviste e Punkreas alla miscela rock nostrana di Gerson, Derozer o Los Fastidios, passando per i grandi esponenti internazionali come Sum41, Blink182 e GreenDay, per arrivare infine alla musica leggera dei LunaPop e alle sonorità alternative di Ministri, Anti-Flag o Nirvana.



Leonardo Isella

Essendo nati solo da alcuni mesi, i Drain Brain hanno trovato ancora poco spazio nella scena live locale. Tuttavia è da segnalare la loro prima esibizione pubblica, il 17 dicembre scorso presso il Bar Fumagalli di Cassago Brianza. Alla fine del mese di gennaio, inoltre, suoneranno davanti al pubblico del Faze Bar di Besana Brianza, in occasione dello School Concert.



Samuele Rossi

“La nostra intenzione principale” ci ha detto Fabio Mazzotti “è certamente riuscire a portare le nostre canzoni alla gente durante il maggior numero possibile di esibizioni live. Siamo partiti con una netta maggioranza di cover dei nostri artisti preferiti, ma l’obiettivo è sostituirle con brani originali, che stiamo componendo sin dagli inizi e che potrebbero, già per la metà del 2012, essere incisi in un primo album d’esordio per i Drain Brain”.

DRAIN BRAIN

Data di formazione: Estate 2011.
Membri / Componenti: Samuele “Sem” Rossi (Batteria); Leonardo Isella (Chitarra-Voce); Fabio “Fab” Mazzotti (Basso-Voce).
CD/ EP / Album / DEMO:    //
Genere: Alternative punk rock italiano.
Artisti di riferimento: Scacciapensieri; Derozer; Gerson; PeterPunk; Pornoriviste; Breaking Benjamin; Blink182; GreenDay; Sum41; Punkreas; Anti-Flag; PapaRoach; Ministri; LunaPop; Los Fastidios.

Link MySpace Music di riferimento: http://it.myspace.com/577191358
A.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco