Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 311.037.058
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 10 febbraio 2012 alle 14:42

Lettera di un maratoneta stanco

Sono un nonno nato nel marzo del 1952. Insegno in un Istituto della provincia di Lecco, tra un mese farò 60 anni e con il sistema delle “quote” sarei andato in pensione il 01/09/2012. Ora, con la riforma “Salva Italia”, potrò andarci solo il 01/09/ 2018. Da sette (7) mesi a settantanove (79) mesi. Il 1200 % . Possibile ??? Non solo possibile, ma legge dello Stato. Mi sento come un maratoneta al quale, ad un km dal traguardo, viene ordinato di fare altri sei (6) km. Questa è equità? Questa è giustizia? Mi dicono, anche, che dovrei essere orgoglioso di contribuire al salvataggio dell'economia Nazionale ed Europea ma mi sento più simile ad un limone spremuto che deve dare altro succo. Chi mi tutela? Con chi me la prendo? Due ore di sciopero generale non hanno cambiato nulla. Corri, corri. Devo correre per altri 6 km e stare zitto. Adeguarsi all'Europa in tutto tranne che nello stipendio: bloccato. Nel contratto di lavoro: saltato. La Fornero piange, io devo piangere correndo.
Un maratoneta stanco
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco