Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 310.660.264
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 21 febbraio 2012 alle 18:14

Ello: lo sviluppo agricolo e del territorio non sono ''fanfaluche'' come dice Ferrari, ma questioni serie e fondamentali per lo sviluppo del nostro paese

Virginio Colombo
Le dichiarazioni del sindaco Ferrari in merito all'accorpamento delle funzione dei servizi con Oggiono da parte di Ello ci lasciano alquanto estereffatti.
In primo luogo va evidenziata la scorrettezza, sotto l'aspetto "politico deontologico" , per cui un sindaco ingerisca in questioni che non riguardano il proprio comune.
L' avere citato il comune di Oggiono in forma asettica, come abbiamo citato Dolzago e Colle Brianza per spiegare la nostra scelta che riguarda il comune di Ello, non penso che questo possa dare a chiunque il diritto di "ingerenza in casa d'altri" .
Il sindaco di Oggiono, da quanto sostiene, ha poca memoria e non ha molta domestichezza con la storia e la morfologia del territorio ellese. Il Borgomastro sostiene che la realizzazione dell'isola ecologica di Ello fu eseguita in collaborazione con Oggiono dal sottoscritto.
Nulla di più falso, infatti l'opera fu realizzata dall'allora sindaco Riva Elio; a noi è toccato il compito di trasformarla e di ampliarla, con il contributo della Comunità Montana.
Morfologicamente il paese di Ello è collocato sulle pendici di quel monte che ha dato origine alla Brianza, nome di provenienza celtica. Noi siamo in alto, sul"bri" (parola celtica che indica monte), non in basso. Il territorio di Ello è collinare composto per tre quarti da boschi e prati agricoli quindi immerso nel verde, non in pianura immerso nelle case e le industrie.
Sarà, quindi, inevitabile che il suo sviluppo sia rivolto all'apetto della conservazione dell'ambiente e di conseguenza del turismo agricolo. E' lo sviluppo del proprio territorio che deve indirizzare la politica di Ello a scegliere con quali comuni associarsi per la gestione dei servizi.
Questa scelta, tra l'altro, era già stata individuata nel consiglio comunale del 10 marzo 2011, con voto unanime, quando sono stati approvati gli indirizzi per l'elaborazione del PGT.
L' indicazione non era verso Oggiono ma bensi verso il monte quindi verso Colle Brianza. Queste scelte politiche hanno basi serie e gli ellesi non si possono permaettere che qualcuno le definisca "fanfaluche". Ferrari sa bene che a far la spesa al mercato o richiedere i sevizi dell'ASL ( struttura pagata anche dalle tasse degli elllesi) o usufruire della scuola non sono funzioni comunali in quanto sono gestite rispettivamente dalla Regione e dallo Stato.
Il servizio del trasporto di Ello verte su Lecco attraverso Galbiate. In una Amministrazione pubblica la giunta, composta dal sindaco e assessori ha la funzione di decidere e di proporre al consiglio gli atti deliberativi.
Come può funzionare una testa in cui un giorno si decide una cosa e il giorno dopo viene rimessa in discussione dalla "politica fluttuante" dell' ex sindaco di Ello Elena Zambetti?
Che senso ha andare in consiglio, come ci suggerisce il sindaco di Oggiono, con due posizioni della Maggioranza?
La serietà impone che quando un sindaco non persegue il programma per cui è stato eletto debba essere fatta una verifica. Pensiero & Azione, prettamente indipendente in cui si configurano molti cittadini di Ello, seriamente e responsbilmente ha invitato i propri consiglieri a dimettersi e democraticamente andare a sentire gli elettori. Il programma elettorale chi lo ha tradito, noi o qualcun altro?
Il borgomastro di Oggiono sa bene, visto che appartiena allo stesso partito, che la Zambetti negli organismi sovracomunali, in particolare nella conferenza dei sindaci dell' oggionese, prima di prendere una decisione dichiarava di voler consultare il partito di apparteneza, senza informare la propria giunta la quale veniva informata dagli organi di stampa. Veramente stentiamo a comprendere i sermoni che provengono da questo pulpito.
La vita di Ello è viva ha negozi, bar, poste, trattoria, farmacia andando con Oggiono come sarà? Non è che dal panorama oggionese vi siano grandi esempi. Lungi da me fare critiche ,in quanto rispetto le scelte altrui,ma la decisione di Imberido di andare sotto Oggiono non è stata oculata. Sicuramente noi non la vogliamo seguire. Noi ringaziamo i nostri padri che negli anni trenta lottarono per l'autonomia.
Gli ellesi, con questa autonomia, andranno a votare facendo liberamente le loro scelte, come liberamente andranno a fare la spesa dove meglio gli aggrada.
Articoli correlati:
17.02.2012 - Ello: la crisi causata anche dalla gestione dei servizi con Oggiono? Solo fanfaluche. E vi spiego perche
Virginio Colombo-Pensiero & Azione Ello
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco