Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 309.967.044
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 05 marzo 2012 alle 17:31

Missaglia: qualche considerazione sulle imminenti elezioni amministrative in paese

Ildefonso Valnegri
Esco dal letargo in cui per motivi personali mi ero rintanato perché non posso fare a meno di esprimere alcune considerazioni sulle elezioni a Missaglia in base a quanto viene pubblicato dai giornali in questo periodo.
Leggo che la Lega chiederà una deroga per potersi presentare insieme al PDL senza simboli.
Vengono spontanee due considerazioni confermate da scambio di opinioni con esponenti della lega che ho avuto nei giorni scorsi:
- sono consapevoli che se vanno separati Lega e PDL rischiano di perdere le elezioni e questa consapevolezza da cosa deriva? È chiaro sono consci di aver governato male negli ultimi 5 anni altrimenti non avrebbero alcun timore; sintomatico il gioco " chi butti dalla torre" ( giornale di Merate) dove per Missaglia hanno preso praticamente gli stessi voti 55 e 54 gli assessori Spreafico e Comi rispettivamente edilizia e lavori pubblici, due comparti importanti per un comune e quindi una bocciatura sia politica che del loro operato;
- andare separati cosa significherebbe? Fare un campagna elettorale in che modo? Contro tra di loro vicendevolmente disconoscendo quello fatto fino ad oggi o continuare proponendo la stessa linea tenuta fino ad oggi e quindi male come hanno fatto negli ultimi 5 anni? Che credibilità riscuoterebbero tra i Missagliesi?
- andare insieme significa riproporre le stesse facce e gli stessi programmi? anche in questo caso non sono sicuro che uscirebbero vincitori, Barzanò insegna.
- I due partiti sono divisi anche qui a Missaglia per non dire del congresso PDL provinciale di Lecco, il PDL ( area politica alla quale comunque appartengo nonostante la mia scelta di 5 anni di presentarmi da solo) a Missaglia è in lotta da una parte Magni- Comi dall'altra Camozzi - Manzoni (leggesi dichiarazioni ultime), a Lecco Piazza- Nava contro Brambilla; la Lega divisi anche loro internamente, andare separati e salvare l'orgoglio leghista anche a rischio di perdere o prevale l'attaccamento al "cadreghino" e quindi insieme per non dire poi delle divisioni a livello nazionale Maroniani, Tosi e gli altri;
- un ultima considerazione il numero dei consiglieri che con le nuove norme dovrebbero essere 10 di cui 6 maggioranza e 4 opposizione, riuscirà il PDL ad inserire qualcuno visto che anche 5 anni fa le preferenze le ha espresse maggiormente la Lega?
Il candidato della sinistra che dovrebbe essere Crippa Bruno credo che abbia ben recepito lo scontento dei Missagliesi e stia lavorando proprio su questo per ribaltare la situazione.
La sinistra a Missaglia non ha mai vinto storicamente, potrebbe succedere questa volta?
Ildefonso Valnegri
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco