Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 273.373.025
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 09 marzo 2012 alle 16:18

Castello B.: accordo trovato tra Comune e parrocchia per il sovrappasso pedonale

Fine del contenzioso. Comune e parrocchia sembrerebbero infine essere riuscite a darsi la mano e a trovare un accordo per la realizzazione del nuovo sovrappasso pedonale. Come noto si tratta di un progetto molto discusso, che a base d'asta ammonterà a un totale di circa 233mila euro, che dovrebbe collegare il polo scolastico e municipale al sagrato della chiesa parrocchiale, scavalcando la SP52.
In questi anni le proteste non sono infatti mancate, sia da parte di chi ha ritenuto l'investimento "eccessivo per un'opera che non risolverà il problema" sia della parrocchia stessa, proprietaria della porzione di sagrato su cui l'opera andrebbe ad insistere.

La zona dove dovrebbe sorgere il sovrappasso

E Comune e parrocchia erano persino arrivati ai ferri corti: il primo aveva infatti deciso di approvare una variante di esproprio di porzione del sagrato di proprietà della Curia e la seconda aveva deciso di presentare ricorso al Tar.
Il primo cittadino Luigina De Capitani del resto si era sempre dimostrato estremamente determinato nel portare avanti la messa in sicurezza di quell'attraversamento pedonale "maledetto" già teatro di investimenti, situato in un punto particolarmente pericoloso del provinciale, non soltanto per le condizioni di scarsissima visibilità (incuneato su un dosso e in prossimità di una curva) su una strada a scorrimento veloce, ma anche in quanto collegamento nevralgico tra punti strategici del paese quali municipio, medico curante e plesso scolastico da un lato e parcheggi, chiesa e uffici postali dall'altro.
Ora pare che finalmente le parti siano riuscite ad addivenire ad un accordo che dovrà essere approvato in consiglio comunale mercoledì prossimo, 14 marzo, e quindi sottoscritto da Comune e parrocchia.
"Il nuovo accordo non sarà altro che un ampliamento della convenzione attualmente in essere con la parrocchia che prevede l'uso pubblico della piazza" ha spiegato il primo cittadino. "La parrocchia darà il suo consenso ad appoggiare sul sagrato l'accesso al ponte e come contropartita il Comune erogherà un compenso per il diritto di

Il sindaco De Capitani
servitù pari a 8 mila euro e si impegnerà nella sistemazione della parte restante della piazza, quella a ridosso del sagrato vero e proprio, installando inoltre un sistema di videosorveglianza".
La variante di esproprio non avrà quindi seguito, il sagrato resterà di proprietà della curia e la nuova convenzione, una volta approvata, potrà quindi porre la parola fine al contenzioso.
"Si tratta di un buon risultato che consentirà di far partire tutto l'iter burocratico per la realizzazione dell'opera" ha concluso la De Capitani. "Credo che quanto accaduto un mese e mezzo fa, con l'ennesimo investimento sulle strisce pedonali, abbia fatto comprendere l'importanza di trovare una soluzione: stiamo parlando della sicurezza delle persone. Quello che ci è sempre stato a cuore è stata proprio la possibilità di far partire l'opera".
Come dicevamo, la nuova convenzione verrà ampiamente illustrata nel corso della prossima seduta di consiglio, prevista mercoledì prossimo, 14 marzo, alle ore 20.00 in sala consiliare.

M.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco