• Sei il visitatore n° 339.187.340
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 05 aprile 2012 alle 13:22

Bulciago: sulle rotonde previste sulla Sp342. Siamo sicuri che sia la soluzione migliore?

Spett. Redazione,
vi scrivo in merito all'articolo in oggetto. Vorrei infatti fare un commento in qualità di libero cittadino.

Non posso credere che dopo tutto quello che si sente dai mass media e dopo tutto quello che si "sente" in giro circa le difficoltà dei cittadini e dei comuni a reperire fondi, si decida di proseguire con un'opera INUTILE come quella delle 2 rotonde. Questa mia osservazione non è dettata da motivazioni politiche ma da un minimo di logica che purtroppo i nostri amministratori forse hanno smarrito.

I motivi per non realizzare quest'opera sono molteplici:

- Sulla stessa strada l'urgenza non dovrebbe essere togliere i semafori di Bulciago ma sistemare il comparto del ponte a scavalco della ferrovia che è veramente pericoloso.

- Togliendo questi semafori avremo che la prima interruzione semaforica sarà quella di Rovagnate da una parte e quella di Lambrugo dall'altra. Già oggi è difficile immettersi o attraversare la provinciale, figuriamoci quando non ci sarà più nemmeno l'interruzione del traffico a Bulciago.

- I pedoni oggi sono tutelati negli attraversamenti dai semafori, dopo lo saranno solo dalla buona condotta degli automobilisti che non sempre sono ligi al dovere

- Oggi i semafori non creano code se non in alcuni momenti di intenso traffico ma nessuno può garantire che le rotonde non le faranno.

- La rotonda vicino al polo chimico avrà una strada in ingresso con una pendenza davvero elevata, siamo sicuri che la sicurezza è garantita?

- Infine mi sembra ovvio che spendere oggi 600.000 euro (senza contare i "soliti" imprevisti), è da folli. Quando la smetteranno le amministrazioni comunali e provinciali di ''sperperare'' denaro pubblico? Eppure tutti i giorni si lamentano della mancanza di risorse e poi aumentano l'IMU o le addizionali!!!! Iniziate ad usare con criterio quelle che avete a disposizione e per una volta abbiate il coraggio di dire NO, di cambiare idea perchè i tempi sono cambiati.

TUTTI si lamentano che mancano i soldi ma nessuno si interessa di come si spendono quei pochi che ci sono. E' ora di svegliarsi e di occuparsi della "cosa pubblica" come se fosse nostra, il conto alla fine lo paghiamo sempre noi.

Cordialmente.

Paolo Amati, cittadino di Cassago B.za
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco